La madre che fa sesso con il figlio

23/06/2012 - di

Parla di "attrazione genetica" ma il tribunale la condanna

La madre che fa sesso con il figlio

Ha fatto ripetutamente sesso con suo figlio che non aveva visto per 15 anni, e non ha negato l’incesto ma allo stesso tempo si e’ detta innocente, sostenendo di essere rimasta vittima di una ‘comune attrazione genetica’.

CONDANNATA - Dopo il patteggiamento, e’ stata condannata a quattro anni e otto mesi di prigione. E’ accaduto in California, dove Mistie Rebecca Atkinson, 32 anni, ha rintracciato lo scorso anno grazie a Facebook suo figlio, che aveva vissuto per gran parte dei suoi sedici anni con il padre, che dopo il divorzio ne aveva avuto la custodia. Tramite il social network, ha cominciato a mandargli una serie di messaggi ambigui e foto di se stessa in atteggiamenti quantomeno provocanti.

LE FOTO – E sono state proprio quelle foto ad incastrarla. La famiglia del ragazzo le ha trovate, e ha avvisato la polizia. Di li’ il passo e’ stato breve. Gli agenti hanno fatto irruzione nella stanza di un motel e hanno sorpreso sul fatto il ragazzino con la madre, che e’ stata immediatamente arrestata. Al processo, davanti ad un tribunale di Napa, Mistie Rebecca Atkinson ha affermato: ‘non credo che dovrei essere accusata di incesto, perche’ sono stato presa da un fenomeno chiamato ‘attrazione genetica’, che colpisce il 50 per cento delle persone che si ritrovano con un parente che hanno perso di vista per molto tempo’. (ANSA).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

Italian Prime Minister Renzi looks on as he waits for the arrival of his Greek counterpart Alexis Tsipras at Chigi palace in Rome

Riforma scuola: Palazzo Chigi conferma le linee guida

21:58 Il presidente del Consiglio sottolinea: «Non c'è nessun rischio che slittino le procedure di assunzione del personale che lavorerà nelle scuole alla formazione dei ragazzi dall'1 settembre 2015». Presentate le misure cardine: il 5 per mille esteso alle scuole e lo school bonus, cioè lo sgravio per chi investe in manutenzione e istruzione e sgravio fiscale per chi manda le famiglie nelle paritarie CONTINUA