|

La Minetti nuda con le scarpe con i diamantini

‘Nicole Minetti fece uno spettacolo al palo della lap dance e rimase nuda, solo con le scarpe con diamantini argentati, e poi si mise a ballare vicino a Berlusconi, toccava e si faceva toccare come le altre’. La scena ‘a luci rosse’ e’ stata descritta, davanti ai giudici milanesi, da Ambra Battilana, ex miss Piemonte e la prima ragazza parte civile a parlare come teste nel corso del processo sul caso Ruby a carico di Emilio Fede, di Lele Mora e della stessa consigliera regionale, la quale, seduta a fianco ai suoi legali, ascoltava la deposizione.

 

LEGGI ANCHE: “Ruby mi ha offerto 4mila euro per fare sesso con lei”

 

SENO E SEDERE – Ambra, 20 anni, che era presente ad una serata ad Arcore nella villa di Silvio Berlusconi nell’agosto del 2010, e’ una delle cinque ragazze – assieme a Chiara Danese, Imane Fadil, Barbara Guerra e Iris Berardi – parte civile nel dibattimento, perche’ lamenta di aver subito danni morali e di immagine per essere stata accostata ‘a una escort, ad una prostituta’. ‘Quella sera – ha raccontato Battilana – ho visto contatti fisici, ho visto Silvio Berlusconi ed Emilio Fede nella sala del bunga-bunga che si facevano toccare nelle parti intime da ragazze nude e queste ragazze che si facevano toccare il seno e il sedere’. Poco prima, invece, nel corso della cena, ha spiegato ancora, Berlusconi si era fatto portare la ‘statuetta di Priapo’: era un ‘omino di legno con sopra una botte, togliendo la botte rimaneva questo omino con un pene sproporzionato rispetto al resto della statuina’. Le ragazze, tra cui ‘Roberta Bonasia, simulavano un rapporto orale con questa statuetta’.

Guarda le immagini di Nicole Minetti:

NON DOVEVA – A un certo punto, ha raccontato ancora, ‘Berlusconi ci appoggio’ le mani sul sedere, un palpeggiamento come per aiutarci, a suo modo, a salire le scale’. Battilana si e’ anche messa a piangere in aula, quando uno dei difensori, in contro-esame, ha fatto riferimento ad una sua denuncia per violenza sessuale nei confronti di un uomo anziano che lei avrebbe conosciuto quando era minorenne, chiedendo alla giovane se avesse ricevuto 2 mila euro da quell’uomo. “Ebbi la percezione che fosse come un palpeggiamento – spiega Ambra – l’ho solo guardato e lui e’ passato avanti, come se avesse capito che non doveva farlo”. La ragazza racconta di avere rifiutato dei regali offerti dall’ex premier e poi spiega cosa accadde nella saletta del ‘bunga – bunga’. “A un certo punto, le ragazze cominciarono a ballare, io e Chiara eravamo sedute sui divanetti.

 

LEGGI ANCHE: Nicole Minetti: “Film hard? Nulla di vero”

 

TOCCAMENTI – Alcune di loro, tra cui la Bonasia, erano vestite da infermiere, col cappellino e lo stetoscopio. La Bonasia giocava con un frustino. Le ragazze hanno fatto una gara di ballo e Maristelle (Polanco, ndr) ha alzato la gonna. Fede allora ha detto ‘Che bel sedere che ha, le ho messo la fascia a un concorso'”. Erano tutte abbastanza nude, alcune completamente. A un certo punto, la Minetti ha fatto la lap dance e poi e’ rimasta nuda con le scarpe coi diamantini argentati”. “Ci sono stati contatti tra Berlusconi e le ragazze?”, domanda il pm e la Battilana risponde: “Si’, ho visto toccamenti sia da parte di Berlusconi che di Fede e da parte delle ragazze verso di loro, cercavano di sedurli”. La sua avvocatessa, Patrizia Bugnano, le chiede come le sia cambiata la vita dopo la partecipazione a quella serata e l’eco mediatica che ne e’ seguita: “Lavoravo come modella e avevo dei contatti di lavoro che non si sono fatti piu’ sentire. Su google sono persino piu’ famosa di Ambra Angiolini.

RAPPORTO A PAGAMENTO – Adesso cerco di lavorare col cognome di mia madre. Quando usci’ il mio nome, i giornalisti venivano a fermarmi all’uscita della scuola per geometri dov’ero iscritta all’ultimo anno – e qui Ambra si emoziona e versa qualche lacrima, asciugata con un fazzoletto che le porge il pm – i miei compagni di classe mi si rivolgevano e mi guardavano in un altro modo”. Un altro momento di tensione Ambra lo vive quando uno dei legali della Minetti, l’avvocato Gaetano Pecorella, le chiede se abbia mai avuto rapporti sessuali a pagamento con uomo, riferendosi a una denuncia per violenza sessuale presentata dalla ragazza anni fa nei confronti di un “uomo molto piu’ grande di lei”. “Era il mio fidanzato – precisa Ambra, che poi nega di avere mai scritto nella denuncia, diversamente da quanto sostiene Pecorella, di avere avuto rapporti a pagamento con quest’uomo”.

LEGGI ANCHE: