Sara Tommasi nuda contro le banche: il nuovo video

23/05/2012 - di

Non è durata molto la censura del nuovo video economical-osé di Sara Tommasi, che per conto del suo mentore Marra ci delizia ancora una volta sulla iattura del signoraggio bancario. Le immagini del nuovo coraggioso video: Trovate il video completo

Sara Tommasi nuda contro le banche: il nuovo video <1>

Tutte le foto <1>

Sara Tommasi nuda contro le banche: il nuovo video

Vedi foto

    SCOPRI >>

    Non è durata molto la censura del nuovo video economical-osé di Sara Tommasi, che per conto del suo mentore Marra ci delizia ancora una volta sulla iattura del signoraggio bancario.

    Le immagini del nuovo coraggioso video:

    Trovate il video completo qui

    LEGGI ANCHE:

    3 Commenti

    1. Gioppino scrive:

      Povera ragazza…aiutatela

    2. Alejandro scrive:

      I feel that is among the such a lot significant info for me.
      And i’m satisfied studying your article. However want to commentary on few basic issues, The web site style is great, the articles is actually nice : D. Good activity, cheers

    3. Elena scrive:

      Wonderful beat ! I would like to apprentice while you amend your web site, how could i subscribe for
      a blog web site? The account helped me a acceptable deal.
      I had been a little bit acquainted of this your broadcast provided bright clear idea

      My homepage: webpage; Elena,

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Ultime Notizie

    Fabio Cimaglia/LaPresse

    Legge di stabilità, il governo: «serve ancora un po’di tempo»

    18:47 Stallo preoccupante sul provvedimento. Il vice ministro Morando: «Stiamo ultimando la relazione tecnica». Forza Italia: «Il presidente del Consiglio venga a riferire in aula». I sindacati sottolineano il rischio di esuberi per 20mila lavoratori a tempo indeterminato e del licenziamento per oltre 2mila precari oltre ai «pesanti tagli» CONTINUA