Esistono universi paralleli?

di - 21/05/2012 - Prova a spiegarlo il fisico sostenitore della teorie delle stringhe Brian Greene

Esistono universi paralleli? <1>

Tutte le foto <1>

Esistono universi paralleli?

Vedi foto

    SCOPRI >>

    “Ciò che mi interessa davvero è sapere se Dio avesse avuto scelte nella creazione del mondo”.

    UNICO UNIVERSO? - The Daily Beast ci parla delle opinioni di Brian Greene, fisico statunitense tra i più famosi sostenitori della teoria delle stringhe. Greene ha voluto parlare del multiverso per capire se davvero esiste un’alternativa all’Universo “universalmente” riconosciuto. Il dubbio è semplice: esiste un piano secondo il quale tutto è già predefinito o è solo merito del caso se le cose sono evolute in una maniera anziché un’altra? Se non fosse caduto il meteorite nella penisola dello Yucatan oggi avremmo ancora i dinosauri?

    IL RUOLO DI EINSTEIN - Il Multiverso, questo il nome della teoria, si chiede se esistano universi paralleli nati in conseguenza di alcune teorie scientifiche secondo le quali appunto potrebbero esistere degli altri mondi in cui non tutto funziona come il nostro. Realtà? Fantasia? Fesserie? Albert Einstein nel 1915 diede vita alla teoria generale della relatività, nata dopo 10 anni di studi sulla forza di gravità. Anni dopo è stato possibile scoprire grazie ad analisi matematiche che l’universo è in espansione. Questo movimento allontana le galassie.

    TEORIA DELL’INFLAZIONE - Ciò significa che una volta eravamo tutti più “vicini vicini”, al punto tale di arrivare a quella cosa chiamata “big bang” per la quale tutto era compresso in un punto. Qualsiasi ingrediente della vita, della materia, della fisica. Abbiamo capito cosa è successo, ma non perché. Alan Guth negli anni ’80 provò a definire la teoria dell’inflazione, ovvero a una “spinta propulsiva” che ha portato l’espansione dell’universo nelle sue prime fasi a una velocità superiore a quella della luce salvo poi “rallentare”. Quindi una teoria diversa rispetto a quella del Big Bang secondo la quale vi è stato un moto “uniformemente accelerato”.

    ZONE MORTE - E qui inizia a entrare in gioco la teoria del multiverso: se assumiamo che il Big Bang sia evoluto in un’altra maniera rispetto a quella conosciuta, vorrebbe dire che il nostro universo non si è espanso nella maniera che sapevamo, e quindi avremmo una serie di universi che si espandono secondo regole loro, specie se prendiamo in considerazione le diverse temperature dell’universo, che indicano come esistano zone più o meno “morte”.  E dire che tutto è partito dalla convinzione che il nostro pianetino fosse al centro dell’Universo.

    Guarda le immagini:

    2 Commenti

    1. triastra scrive:

      … bellissimo…

    2. Onofrio scrive:

      E’ spiegato da cani..

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Ultime Notizie

    Gaza, continuano gli attacchi israeliani

    Storia di una «non tregua» sulla Striscia di Gaza

    8:02 Rifiutato il piano proposto dal segretario statunitense John Kerry per «mancanza di garanzie sulla sicurezza di Israele». Intanto sale oltre a mille il numero dei morti. Mentre al Sud partono razzi da Gaza ed Obama chiede il cessate fuoco: senza alcuna condizione CONTINUA

    costituzione-pd

    Chi di Costituzione ferisce di Costituzione perisce

    8:02 Insieme alla «questione morale», sulla genesi della quale non torno (anche perché ho scritte parole definitive in merito), il «patriottismo costituzionale» è l’espressione più popolare del bigottismo di sinistra in Italia, e come quella CONTINUA