Tutta la verità sulle modelle H&M

18/05/2012 - di

Tutta la verità sulle modelle H&M <1>

Tutte le foto <1>

Tutta la verità sulle modelle H&M

Vedi foto

    SCOPRI >>

    Chi di Photoshop ferisce, di Photoshop perisce. Gizmodo e Buzzfeed ci presentano l’iniziativa di un artista di Amburgo il quale ha posto la barra degli strumenti del programma di elaborazione delle fotografie sugli ultimi manifesti pubblicitari di H&M per denunciare come la multinazionale dell’abbigliamento, nonostante le pubbliche scuse, insista nell’esagerare nel ritocco delle foto delle proprie modelle che appaiono così emaciate, innaturali e sproporzionate. Protesta intelligente, non c’è che dire.

    Guarda le immagini:

    LEGGI ANCHE: AZIONI FACEBOOK IN BORSA, il live blogging

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Ultime Notizie

    Roma-Bayern Monaco

    Roma-Bayern Monaco, come seguirla in streaming

    19:45 Roma-Bayern Monaco, ecco lo streaming dell’incontro di Champions League tra i giallorossi ed i tedeschi, campioni di Germania in carica. La Roma spera nel colpaccio mentre il Bayern Monaco con una vittoria metterebbe al sicuro la CONTINUA

    AP Photo/Andrew Medichini/LaPresse

    Legge di stabilità, il testo arriva al Quirinale, ma manca la bollinatura della Ragioneria di Stato

    18:54 Matteo Renzi incontra Napolitano, ora la manovra è al vaglio dell'Unione europea. Polemico Brunetta: «Il tenore della grottesca nota diffusa dal Colle, e pubblicata sul suo sito, dimostra lo stato confusionale in cui versa la presidenza della Repubblica, che si affanna a dichiarare di aver ricevuto un testo, pur non avendolo di fatto avuto dal governo, in quanto non può considerarsi definitiva una versione non certificata dai tecnici della Ragioneria. Quello che è giunto sulla scrivania di Napolitano, pertanto, ha valore pari a zero» CONTINUA