|

Il morto si sveglia e il funerale diventa una festa

L’avevano lavato e preparato per il funerale rituale: siamo in Egitto, dove le cose si fanno in un certo modo. Per tutti, Hamdi Hafez al-Nubi (non in foto), professione cameriere proveniente da una cittadina vicino Luxor, era morto: un attacco di cuore mentre era al lavoro l’aveva stroncato. Fine della storia, e funerali in preparazione.  E invece era vivo.

 

LEGGI ANCHE: Mai più senza: le tombe griffate

 

IL MORTO CHE NON LO ERA – Tanto vivo che il medico che doveva semplicemente prepararne il certificato di morte, lo ha invece trovato vivo, anche se privo di coscienza. “Lo ha velocemente rianimato”, scrive il Daily Mail, “così come ha dovuto rianimare la madre, svenuta quando ha saputo che il figlio era vivo”: “Dopo aver visto che era ancora caldo, il medico ha controllato i suoi segni vitali e ha scoperto che stava ancora respirando”. Invece di cancellare semplicemente il funerale, i parenti hanno pensato che valesse la pena fare qualcosa in più: “La festa è diventata la celebrazione della “risurrezione di al-Nubdi”.

ALTRI CASI – Secondo il giornale inglese non è la prima volta che un morto si “risveglia”: c’è il caso di un una donna cinese che doveva essere morta dopo una brutta caduta. Si chiamava (e si chiama) Li Xiufeng trovata “priva di coscienza e di respiro” due settimane dopo l’incidente. La bara è stata lasciata aperta in casa, come da tradizione: un giorno prima del funerale il sarcofago era vuoto la donna (95 anni) era in cucina impegnatissima a prepararsi qualcosa.

LEGGI ANCHE: