|

Il modo migliore per mandare foto osé

Il sexting, l’invio sui mezzi informatici di immagini sessualmente esplicite, da oggi potra’ essere piu’ sicuro grazie ad una applicazione disponibile sull’Appstore gratuitamente che permette al mittente di “cancellare” le foto ose’ in 10 secondi dall’invio. Il destinatario avra’ a disposizione esclusivamente il tempo stabilito dal mittente per poter visionare l’immagine sul proprio smartphone che allo scadere del limite si autodistruggera’ senza lasciare traccia.

 

LEGGI ANCHE: Le ragazzine che mandano foto sexy in chat o via sms

SNAPCHAT – Si chiama Snapchat ed e’ un’app per i-Phone per utenti over 12 anni che permette di chattare scambiandosi immagini che si auto-annullano dopo un tempo programmato dall’utente contro ogni violazione della privacy. Un lasso di tempo – secondo quanto riportato dal Daily Mail – breve che arriva fino a 10 secondi. Una visione rapida e cancellabile che aiutera’ a salvaguardarsi da sguardi indiscreti, godendo dell’invio di una foto (magari hard) velocemente.

SCATTI COMPROMETTENTI – E che dara’ l’opportunita’ di dormire sonni sereni a chi la invia, sapendo che nessuno possiede nostri scatti compromettenti da mettere in giro e pubblicare senza il nostro permesso. Per utilizzare l’app e’ necessario che i nostri amici l’abbiamo installata sul proprio telefonino. SnapChat, consapevole dei rischi della circolazione di immagini appetibili, fa anche di piu’: se durante il conto alla rovescia della visualizzazione, il ricevente fa uno screenshot, immortalando e salvando la foto incrimanata, l’applicazione invia al mittente una notifica per avvertirlo della “violazione”.

 

LEGGI ANCHE: Il ragazzino che crea il sito con le foto hot delle compagne

 

RISCHIO NON ELIMINATO – Snapchat, in questo modo, non puo’ piu’ eliminare il rischio che la foto circoli ma almeno, attraverso il lancio dell’allarme, rende consapevoli di non essere i soli a possedere l’immagine “incriminata”. Ma occhio. Questa applicazione potrebbe essere un’arma a doppio taglio: i pedofili, ad esempio, potrebbero approfittare deldi questa nuova funzione per nascondersi (AGI)

 

LEGGI ANCHE:

Il ragazzino che metteva online le foto hard delle compagne

Gli adolescenti (non) fanno sesso via sms

Ai ragazzi italiani piace mandare foto porno