La gola profonda che ha sconfitto Al-Qaeda

08/05/2012 - di

Un infiltrato ha consentito la scoperta dell'attacco programmato a un aereo passeggeri

La gola profonda che ha sconfitto Al-Qaeda

Le autorità statunitensi hanno sventato un attentato nella penisola arabica finalizzato all’abbattimento di un aereo di linea attraverso l’uso di una speciale bomba da nascondersi nella biancheria intima. Ne parla la BBC.

LA BOMBA - Le autorità hanno scoperto il piano terroristico grazie a un infiltrato presente in una sezione di Al-Qaeda in Yemen ed ora l’ordigno, recuperato al momento dell’arresto del terrorista kamikaze, è analizzato dall’Fbi nella base di Quantico, mentre “gola profonda” ha abbandonato il Paese asiatico. Secondo la Casa Bianca non si è mai corso il rischio di una minaccia particolare, mentre un membro del senato ha legato l’attacco all’uccisione la scorsa settimana sempre in Yemen di un leader di Al-Qaeda, Fahd al-Quso. Ad eliminarlo un attacco operato da un drone.

SERVE PER CAPIRE - John Brennan, a capo dell’unità antiterrorismo della Casa Bianca, ha spiegato che per le autorità Usa il pericolo non è rappresentato dal fallito attentato ma dall’uso di “particolari dispositivi che sfuggono alle procedure di sicurezza”. Continua Brennan: “il nostro compito è quello di identificarli così da non rimanere mai impreparati”. Per scoprire la composizione dell’ordigno sono state coinvolte numerose agenzie d’intelligence, senza specificare quali fossero.

CHI HA ORGANIZZATO TUTTO QUESTO? - Secondo alcune indiscrezioni il responsabile di questo ordigno è Ibrahim al-Asiri, saudita membro di Al-Qaeda la cui attività è stata segnalata due settimane or sono dietro specifico input da parte dell’Arabia Saudita. Le autorità yemenite non hanno però confermato questa versione dei fatti. Le autorità americane sono riuscite a ricostruire il piano di Al-Qaeda: l’organizzazione terroristica ha formato un terrorista suicida il quale avrebbe dovuto imbarcarsi su un volo a sua scelta con direzione Usa.

COME ABDULMUTALLAB - L’uomo avrebbe portato con se l’ordigno, ma è stato fermato prima che potesse attivare il suo piano, tanto che il kamikaze è stato trovato senza alcun biglietto. Come detto precedentemente, secondo il senatore Peter King questo fallito attentato sarebbe da ricollegare all’assassinio di Al-Quso, già responsabile nel Natale 2009 di un altro fallito attentato a bordo di un aereo, anche qui da compiersi attraverso un ordigno nascosto nei vestiti. In quel caso il kamikaze, Umar Farouk Abdulmutallab, venne bloccato prima che riuscisse ad attivare l’ordigno su un volo da Amsterdam a Detroit.

 

LEGGI ANCHE:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

Kim Jong Un

Kim Jong Un si è rotto le anche

16:49 Secondo le solite indiscrezioni, il Caro Leader avrebbe trascurato una frattura per onorare gli impegni ufficiali e si sarebbe così procurato altri danni CONTINUA