Lo Stato parallelo

01/05/2012 - di

Lo Stato parallelo

La malattia viene dal basso, ma gli italiani guardano imbambolati solo alle caste. Come sapete la via generalmente invocata per risolvere un problema particolare è la creazione di una la legge ad hoc. E’ un’abitudine da fessi, ma passa per altamente democratica. Una legge per sua natura non dovrebbe mai essere ad hoc, avere caratteri di stabilità, ed essere l’ultima risorsa cui ricorrere, dopo aver scartate tutte le altre. (E’ curioso che lo si noti solo quando la mala pratica viene imputata al Cavaliere, e come in tutti gli altri casi, a fin di bene s’intende, risulti accettabilissima.) Se il problema è più vasto e riguarda un settore dell’economia, della vita pubblica, della società, ecco che a sorvegliare, punire ed indirizzare arriva un dittatorello ad hoc, dall’esotico appellativo di Authority, tirato fuori solo per non farlo rassomigliare troppo ad un podestà fascista. Con tali precedenti non è poi tanto stravagante che per risolvere il problema della governabilità di questo paese si sia fatto appello all’autorità dei Tecnici. I quali ad incidere il bubbone senza avere le spalle coperte da qualche perizia o ordine superiore non ci pensano neanche dopo morti. E’ parso quindi doveroso e oltremodo naturale chiamare in loro soccorso un Supertecnico che li istruisca in merito, un commissario straordinario «per definire il livello di spesa per l’acquisto di beni e servizi», il cui incarico non durerà più di un anno, e che potrebbe essere aiutato da un subcommissario, il quale, pensiamo, curerà l’aspetto più squisitamente tecnico del compito assegnato al Supertecnico. Sarà lui, il subcommissario, l’ultima cuspide di questa mostruosa cattedrale gotica mai finita che ha sepolto la legge sotto la mole di milioni di leggi, la burocrazia sotto la metastasi burocratica, le istituzioni sotto i loro surrogati? Tutta roba, quella sì, da tagliare?

 

2 Commenti

  1. ge benza bebbe grillo ( beeee beeee) scrive:

    Ah no giusto perchè ha detto una volta che lui è solo un detonatore; poi comunque ha sempre ragione pure quando una vittima di mafia tipo questa:

    http://www.bennycalasanzio.com/2012/04/caro-grillo-io-non-rido.html

    …lo smerda pretende pure le scuse, ma comunque non è altro che una personalità serva&narcisistica in cerca di notorietà che guarda il dito e la luna invece no e poi non usa la biowashball e supporta la Casta perchè va contro il nostro incommensurabile BEBBE (BEEEE BEEEE) e la casta giudaica massone ha paura e cerca tutte le scuse per cavalcare l’onda contro il MoVimento5Stelle, leggeteve il programma di Casaleggio compilato dal basso dal popolo della rete perchè il rizoma seppellirà quella salma di Napolitano.

    p.s. L’A.I.D.S. non esiste.

  2. pietro scrive:

    Che ipocrisia il sig Zamarion, la mala pratica in questione in cui il suo adorato SIlvio è stato un campione è criticabile SEMPRE, solo i soldatini di partito come lui hanno sempre tappato le orecchie e negato l’evidenza, hanno sempre sempre sostenuto e difeso l’indifendibile, è il sig Zamax che adesso trova vergognoso quello che trovava ammirevole e giusto se opera del Grande timoniere.
    Chi ha sempre sostenuto che Berlusconi era solo un politcante da quattro soldi come tutti gli altri non difende certo chi fa poco meglio di lui.
    Certo è che almeno la riforma delle pensioni con il contributivo per tutti hanno avuto le palle per farla, quindi tra il poco fatto da Monti e il nulla che ha fatto il SIlvio purtroppo c’è ben poco da essere nostalgici.
    Per quanto riguarda le Autority solo un socialsta statalista coin venature peroniste come il SIg Zamarion le può definire “dittatorello ad hoc” l’esistenza di organi tecnici indipendenti dall’arbitro dei pezzenti incompetenti con la tessera di partito è SEMPRE stato uno dei pilastri della democrazia liberale, la politica deve orientarne il lavoro, ma poi devono essere organismi imparziali, cose che a chi come il suo caro SIlvio deve TUTTA la propria ricchezza la fatto che amici politici cambiavano le regole in base alle sue esigenze è ben dficile accettare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

Presentazione del nuovo stadio della AS Roma

Vogliono bloccare lo Stadio della Roma.

20:38 Un emendamento al decreto Sblocca Italia, voluto dai parlamentari romani del Pd Umberto Marroni e Roberto Morassut e approvato in commissione ambiente alla Camera potrebbe rivelarsi deleterio per la società di Palotta. Che sarebbe costretta a compensare gli extravalori dell'impianto con un unico versamento finanziario e non più con le opere da costruire CONTINUA