Digitale capestro

30/04/2012 - di

Mediaset avrebbe a sua disposizione i migliori canali del digitale terrestre ma la Rai sarebbe pronta con il nuovo formato di trasmissione che diventerà standard dal 2015

Digitale capestro

CHI E’ IL FAVORITO? - Il problema quindi è specificatamente tecnico. Ma certo sarebbe scorretto parlare di favore a mediaset, e il perché è presto detto. L’azienda di Cologno Monzese, dati alla mano, ora si trova costretta a scegliere se usare una frequenza con tecnologia attuale redditizia ma senza futuro o mollare tutto, spendere altri soldi e acquistare una nuova banda partecipando all’asta. Rai dal canto suo nel suo canale sperimentale può fare test sapendo che può essere usato anche in futuro, risparmiando sull’asta con la richiesta di conversione.

PROBLEMI VERI - Il problema Rai se vogliamo sta da tutt’altra parte, come ad esempio in Abruzzo dove si chiede un rinvio dello switch-off da parte della stessa Rai che ritiene non utile la frequenza UHF 35 considerando che in Piemonte a un anno dallo “switch off” ci sono ancora 500mila famiglie che non vedono il Tg3 regionale. A rischio ricezione sono soprattutto le aree interne collinari, dove il segnale potrebbe risultare oscurato o subire interferenze dai segnali di altre regioni o dei paesi dell’altra sponda dell’Adriatico. Questo è un problema comune a tutti i canali Rai in varie zone del Paese. I segnali rimbalzano tra di loro e si perdono appena il terreno si fa leggermente gobbo.

LA SOLUZIONE – La Rai in un sito apposito cerca di spiegare come fare per venire incontro ad eventuali problemi: “Il Mux 1 della Rai coprirà più del 99% della popolazione. Gli altri Mux Rai, alla data dello switch off, avranno una copertura inferiore. Per questo può essere utile, nelle aree non coperte dal Mux 1 o nelle quali l’offerta terrestre non è completa, installare una parabola con il decoder satellitare di Tivù Sat”. Raiway si dichiara sempre disponibile a una nuova sintonizzazione istruendo anche gli antennisti su come agire, ma forse il problema non sta in questo caso nella qualità dei segnali ma nella capacità di farsi vedere.

2 Commenti

  1. aldolo scrive:

    Fantaeconomia e fantapolitica. Che le vendessero tutte a un prezzo ragionevole ste frequenze.

  2. elino scrive:

    vorrei capire bene,il nanomafioso ha fatto ancora una rapina hai
    danni dello stato? tanto lui e’ abituato ancora da vecchia date
    ai tempi del craxismo,non per niente e’andato al governo per
    continuare a rapinare e salvarsi della giustizia,sapete anche
    della rapina che ha fatto ad equietalia,(no informatevi).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

ITALY-CINEMA-FESTIVAL-MOSTRA

Venezia 71: il pagellone al giro di boa

19:50 Da Elio Germano ad Alba Rohrwacher, dalla vita impossibile al Lido al cinema francese. E' passato quasi metà del Festival di Venezia numero 71 e si possono dare i primi voti alla Mostra CONTINUA