Le bombe-giocattolo che terrorizzano la Siria

A supporter of Syrian President Bashar a

Gioco sporco per i ribelli anti-Assad?

Voci si rincorrono in questi giorni in cui, ancora, la situazione in Siria è tutt’altro che risolta. Mentre il governo di Bashar Al-Assad si rifiuta categoricamente, nonostante gli annunci, di smobilitare le forze armate che tengono sotto scacco il paese, i principali alleati del governo di Damasco, fra cui la Russia, sostengono da tempo che i ribelli siriani stiano giocando sporco: ora un media siriano filogovernativo diffonde l’allarme che il governo avrebbe già fatto trapelare ai suoi uffici territoriali. I ribelli lasciano per le strade giocattoli esplosivi.

 

LEGGI ANCHE: Quelle armi dirette in Siria - Foto

 

I GIOCATTOLI ESPLOSIVI - Damas Post la mette così. “Grazie a fonti private”, scrive il media arabo, “Damas Post è in grao di affermare che gruppi armati di opposizione in Siria hanno iniziato a confezionare oggetti sospetti, fra cui giochi per bambini, imbottiti di esplosivo e lanciati sui lati della strada, per le vie e nei parchi. Secondo queste fonti, l’obiettivo è danneggiare e ferire (fino ad uccidere o mutilare) il maggior numero possibile di siriani, secondo le fonti a disposizione”.

PERICOLO A DAMASCO - La notizia è arrivata anche in Italia grazie alle agenzie di stampa, che scrivono: ” Il fenomeno è stato denunciato anche dal governo siriano, il cui premier, Adel Safar, ha allertato in modo “segreto e urgente” le autorità compententi, mettendo in guardia in particolare dalla possibilità che questi “giocattoli” vengano distribuiti tra gli alunni delle scuole e ordinando che siano adottate misure adeguate in tal senso”.

LEGGI ANCHE: