La nuova particella scoperta dal Cern

28/04/2012 - di

Grazie al collisionatore LHC un team di fisici ha osservato un barione composto da 3 quark

La nuova particella scoperta dal Cern

Un gruppo di fisici dell’Università di Zurigo ha scoperto una particella finora rimasta sconosciuta composta da 3 quark nel LHC, il grande acceleratore di particelle sito al Cern di Ginevra. Un nuovo barione è stato così scoperto per la prima volta all’interno del LHC, il Large Hadron Collider, grande collisore di adroni in italiano.Il barione noto come Xi_b^*  ha confermato i postulati fondamentali della fisica sul legame dei Quark.

NUOVA SCOPERTA - Nella fisica delle particelle, la famiglia dei barioni si riferisce alle particelle composte da tre quark. I quark formano un gruppo di sei particelle che differiscono tra di loro per massa e carica. I due quark più leggeri, i cosiddetti quark up e quark down, formano due componenti atomici, protoni e neutroni. Tutti i barioni sono composti dai tre quark più leggeri (up, down e strange) che sono conosciuti. Solo pochissimi barioni con quark pesanti sono stati osservati finora. Posson essere generati solo artificialmente negli acceleratori di particelle quando sono pesanti e molto instabili.
Nel corso della collissione protonica nel collisionatore LHC al Cern, i fisici Claude Amsler, Vincenzo Chiochia and Ernest Aguiló dell’Università di Zurigo sono riusciti ad individuare un barione con una luce e due quark pesanti. La particella Xi_b^*  è composta da un quark up, un quark bottom  e uno strange, è neutra elettricamente ed ha uno spin di 3/2 (1.5). La sua massa è comparabile a quella di un atomo di litio.

IL LEGAME DEI QUARK - La nuova scoperta significa che due dei tre barioni previsti nella teoria della composione usb è stata ora osservata. La scoperta si basata sui dati raccolti nel rilevatore CSM, al cui sviluppo è stata coinvolta la stessa Università di Zurigo. La nuova particella non può essere individuata direttamente perchè è troppo instabile per essere registrare. Xi_b^*, comumque, si rimpoe in una cascata di prodotti di decadimento conosciuti. Ernest Aguiló, uno studente Phd, ha identificato le tracce dei rispettivi isotopi nella misurazione dei dati ed è stato in grado di ricostruire le cascate di decadimento partendo dal Xi_b^* . I calcoli sono basati sui dati della collisione tra protoni efffetttuata ad un’energia di sette Tera.  Un totale di 21 prodotti da decadimento Xi_b^* è stato scoperto, statisticamente sufficiente per escludere una semplice fluttuazione. La scoperta della nuova particella conferma la teoria di come i quark si leghino e di conseguenza aiuta a comprendere la forte interazione, una delle quattro forze primarie della fisica che determina la struttura della materia. L’Università di Zurigo è coinvolta nell’utilizzo del LHC al Cern con tre gruppi di ricerca. Il rilevatore CMS (Compact Muon Solenoid) è stato ideato per misurare l’energia e il momento dei fotoni, elettroni, muoni e altre particelle caricate con un grande livello di precisione. 179 università e centri accademici lo hanno sviluppato.

4 Commenti

  1. Fireman scrive:

    Io conoscevo il Barione F.C. … Franco Causio…

  2. Giovanni lo scettico scrive:

    Forse vi converrebbe rileggere gli articoli prima della pubblicazione…

  3. Tommaso scrive:

    tutto ciò
    fa ben presagire per la presenza di almeno un singolo neurone nella capoccia di Renzo Bossi?

  4. ugo scrive:

    la scoperta va verificata dalla gelmini se no non è valida.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie

Berlino, Campionati Europei di nuoto

Europei di Berlino: sei medaglie e che Paltrinieri!

20:29 Due ori, un argento, tre bronzi: nell'ordine la 4x100 sl mista e Paltrinieri sul tetto d'Europa, la Batki a un passo nei tuffi, Leonardi, Detti e Ilaria Bianchi "facce" di bronzo. E nel medagliere complessivo ora l'Italia è terza CONTINUA

Andrea Di Grazia/LaPresse

Catania, padre accoltella le figlie e tenta il suicidio

18:10 Morta la più giovane, l'altra in fin di vita. L'uomo da due anni era senza lavoro, la moglie lo aveva lasciato pochi giorni fa. L'omicida ha anche lasciato ha lasciato un messaggio alla famiglia riguardante il drammatico gesto, ma il testo della missiva è blindato da magistratura e carabinieri, che hanno acquisito il documento CONTINUA