|

Il ragazzo che a 20 anni ne dimostra 160

Il giovane Dean Andrews è una delle poche persone affette da progeria, una malattia rara che colpisce in media una persona ogni 8 milioni e che causa l’invecchiamento precoce, trasformando i giovani in anziani prima che abbiano raggiunto l’età dell’adolescenza.

CORPO DA ANZIANO – Dean ha solo 20 anni, ma biologicamente il suo corpo è quello di un 160enne. Per chi è affetto da progeria, infatti, il tempo passa otto volte più velocemente degli altri. Sono solo 4 le persone in Gran Bretagna a soffrirne, 74 i casi conosciuti nel mondo. Dean, che tra i malati di progeria è il secondo più anziano sopravvissuto nel Regno Unito, ha deciso di raccontare la storia della sua vita nella speranza di fornire un aiuto agli altri che vivono nella sua stessa condizione.

LEGGI ANCHE: LA STORIA DI SAMMY BASSO, IL GIOVANE VECCHIO

GUARDA LE FOTO DI DEAN

 

FORZA D’ANIMO – “Ho sempre cercato di fare quello che tutti gli altri fanno”, dice. “La mia famiglia mi fa andare avanti e ho tanti amici che fanno il possibile per farmi felice”. Dean pesa poco, ma il suo corpo molto esile e leggero nasconde una grande personalità. Nei suoi vent’anni di vita è stato molto attivo, ha imparato a guidare, si è fidanzato, ha fatto quattro tatuaggi, ha frequentato un corso di meccanica al college, tutto senza farsi sopraffare dalla malattia. Si tratta di risultati sorprendenti considerando l’iniziale previsione dei medici che a sette anni gli diagnosticarono la progeria. Secondo i dottori Dean non sarebbe riuscito a superare l’età dell’adolescenza. Ai tempi della sua nascita e della sua infanzia la progeria era ancora una patologia pressocché sconosciuta.

 

LEGGI ANCHE:La ragazza che è più vecchia di sua madre

 

INFANZIA DIFFICILE, MA ATTIVA – “Quando Dean aveva sei mesi ho notato che era più piccolo del normale. Indossava ancora vestiti di un bambino di 3 mesi, ma i medici mi dissero di non preoccuparmi”, ricorda oggi la madre, Dawn Thomas. “Dissero che era piccolo e che non c’era nulla di strano in lui, ma continuai a portarlo dal medico regolarmente, il suo appetito era scarso”, spiega la donna. Poi arrivarono i problemi alle gambe e al movimento degli arti. Il mistero fu chiarito quando un genetista rivelò la malattia. Dolori, malanni e preoccupazioni che ora sembrano distanti. “Sono fortunato ad essere così amato”, ripete il ragazzo dall’infanzia difficile ma anche molto attiva. Dean vive a Birmingham con la madre Dawn, 41 anni, il padre Wayne, 43, e i fratelli Sophie, 15, e Lewis, 12. E ha ancora tanta voglia di guardare avanti.

LEGGI ANCHE: