“Vi racconto Marine le Pen e la nuova destra europea”

di - 23/04/2012 - Il 20% alle elezioni francesi. L'ago della bilancia fra Hollande e Sarkozy. Francesco Storace ci parla della donna con la fiamma tricolore.

“Vi racconto Marine le Pen e la nuova destra europea” <1>

Tutte le foto <1>

“Vi racconto Marine le Pen e la nuova destra europea”

Vedi foto

    SCOPRI >>

    “Parte l’Europa che vogliamo, l’Europa di Marine Le Pen, la nostra Europa”, ci dice Francesco Storace al telefono, commentando il primo turno delle elezioni francesi. E la Francia pare essere davvero ad un punto di svolta della sua storia, se è vero che l’elezione all’Eliseo del candidato socialista, François Hollande, sarà di certo determinata anche dal comportamento dei sostenitori di Marine Le Pen, la donna alla guida del Fronte Nazionale, l’erede e figlia delle fortune politiche di Jean Marie. L’uomo che batté Jospin al primo turno, garantendo la certa elezione all’Eliseo di Jacques Chirac; ma anni dopo, il sensazionale exploit dell’estrema destra francese acquista una valenza ancora più importante di quella che fu, senza dubbio, una cocente sconfitta per i tradizionali partiti.

     

    LEGGI ANCHE: La vittoria di Hollande mette nei guai Merkozy e l’Italia?

     

    IL CAMBIAMENTO - Questa volta, il grande sconfitto ancor prima del ballottaggio si chiama Nicolas Sarkozy: presidente uscente che finisce scavalcato dallo sfidante, e minacciato a destra proprio dalla ragazza del Bois de Boulogne che gli sottrae voti in fuga disordinata. Una quantità non indifferente, a dire la verità.

    I dati definitivi del primo turno lasciano ben poco spazio alla fantasia: il rosso domina, il blu è in ritirata. Ma ovunque, a rosicchiare, è il nuovo autoproclamato “leader dell’opposizione” francese: Marine Le Pen. Come dicevamo, operazioni di somma fra la sua percentuale e quella di Nicolas Sarkozy non sono politicamente pensabili: matematicamente, il centrodestra salterebbe al primo posto, e se tutti gli elettori di Madame Le Pen votassero per l’UMP al secondo turno, l’Eliseo non cambierebbe inquilino. Purtroppo per Sarkozy, scegliere fra lui e Hollande per i militanti del Front Nationale “è come scegliere fra la peste e il colera”. Molti resteranno a casa e più di qualcuno, dice Rue 89, quasi un quarto, potrebbe votare per Hollande. Almeno, dice un militante, la sinistra sembra essere più vicina agli interessi della gente.

    “IL NOSTRO MOMENTO” - Non c’è nulla di che stupirsi, d’altronde. A spiegarci perché quella di Marine Le Pen è una vittoria per la Francia e per l’Europa, e l’alba di una nuova era per il Vecchio Continente, è dicevamo Francesco Storace, che ha peraltro incontrato molto di recente proprio Marine Le Pen. “Ora occorre mettere in moto qualcosa di ancora più vasto, che si espanda in tutta l’Europa”, ha scritto dopo il voto sul suo blog; “Marine ha messo in discussione un modello europeo basato esclusivamente sulla moneta; ha contestato la centralità della Banca d’Europa; ha detto basta alle umiliazioni riservate al popolo greco; ha paragonato ad un colpo di Stato l’ascesa al governo italiano di Mario Monti; dice no al fiscal compact. La Le Pen non vuole che si precipiti nel fondamentalismo islamico; pretende una società equilibrata nei suoi valori; si e’ conquistata sul campo la leadership di un ideale Fronte delle Nazioni d’Europa”. In un veloce colloquio, ci spiega cosa queste parole vogliano dire.”Penso ci siano da fare due riflessioni”, ci dice.

    Quali, onorevole Storace?

     

    LEGGI ANCHE: I Grillo d’Europa

    17 Commenti

    1. GIORGIO scrive:

      Anche se ha preso molti voti, i Francesi si sono lasciati scappare una grande opportunità di cambiamento. Avrebbero dovuto votare in massa Marine Le Pen! Magari avessimo noi un leader così! Ridare splendore alle nostre Nazioni, alla nostra Europa, quella vera, fatta di storia, tradizioni e genii. Ma è un grande segnale che il popolo comincia ad aprire gli occhi contro le lobby che comandano la UE e la sua combriccola non votato da alcuno fuorché dai loro banchieri…spero che alle prossime elezioni la Francia colga ,l’occasione per votare una Grande Statista…

    2. aol scrive:

      Proprio ieri sera ho pensato al gongolamento di storace ma partiamo da una premessa:
      Non confondiamo la merda con la cioccolata. Storace è un grande lecca …. del nano mentre Marine le Pen ha presentato un programma chiarissimo, che può essere condivisibile o meno ma ha tutto il merito di essere riuscita a convincere non solo quelli di estrema destra ma addirittura gente moderata sia socialista che della destra moderata di sarkò.

      • GIORGIO scrive:

        Concordo sulla grande differenza tra i due…Marine è una Grande figura….Storace non le può far nemmeno da lacché!

      • GeertWilders4president scrive:

        Non credo che le Pen sia di estrema desta. Molto a destra si (così come lo sono anche io), ma l’estrema destra prevede caratteristiche proprie del nazifascismo (come il complottismo anti-ebraico e l’odio verso lo straniero per banalità come il colore della pelle, degli occhi o dei capelli – voler difendere le proprie tradizioni ed esigere che gli stranieri si comportino bene in casa tua NON è odio verso lo straniero). E secondo me come ideologia di estrema destra possiamo aggiungere tranquillamente anche la shariah, la legge islamica (pregna di complottismo anti ebraico, intolleranza verso chi pratica altre fedi o chi non ne pratica, razzismo, sessismo e spirito di superiorità propri anche del nazismo).

        Per quanto riguarda Marine Le Pen, sono d’accordo su quasi tutto quello che dice, salvo per un paio di cose, ma è difficile trovare chi è d’accordo con te al 100%

    3. io scrive:

      che vergogna. di nuovo i fascisti. che schifo.

    4. natasha antonioli scrive:

      e brava marine!!!da noi le battaglie della destra l’abbiamo lasciate a quel criminale di bossi-non criminale per via delle ruberie che tanto rubano tutti-criminale perche’parlare di indipendenza del nord e’da galera anche se il sud deve cominciare a pagare le taSSE.DA NOI LA DESTRA L’ABBIAMO LASCIATA A QUELL’INCOMPETENTE DI BERLUSCONI.ma le pen e’la vera destra sociale,proletaria,contro l’islam,cristiana per tradizione e non per fede.

      • GeertWilders4president scrive:

        A me pare sia laica. Anti islamica (perchè ormai i musulmani si sono mostrati per quello che sono, ed è scontato essere contro l’islam) ma che tiene ben separati stato da religione.

    5. dillinger scrive:

      ci vuole un de gaulle italiano,ma qui i generali sono salottieri,,,., e della riforme costituzionali non hanno padronanza…la repubblica francese prima di de gaulle era come quella italiana,dove ognuno partoriva partiti a suo piacimento,dettava alleanze, tempi delle crisi,,,poi venne il generale e ha riformato tutto…e noi aspettiamo il partito della nazione,oppure quell’altro partito con sorpresa dentro…

    6. Claudio scrive:

      si si piu’ che grande statista caro giorgio grande sta-minchia ancora sta patria-famiglia-onore…medioevali…poi anti islamici anche…si vede che nn capite na mazza di come sta andando sto mondo…poveretti sti fasci prima facevate paura almeno….senza palle…

      • GIORGIO scrive:

        Sei tu che non capisci…il mondo non “va” da solo…c’è chi tira i fili…una figura come la Le Pen difende il suo popolo ed il suo benessere…come fai a non capire? Questa immigrazione incontrollata serve solo a distruggere la nostra secolare cultura….ma tu ne devi avere veramente poca. Dio, Patria e Famiglia sono i capisaldo sui quali si fonda una società decente….

        • Hyksos scrive:

          “c’è chi tira i fili.”
          Fammi indovinare: i demoplutogiudei?
          Su “Dio, Patria e Famiglia” al massimo si fonda l’orinatoio di un manicomio.

    7. la culona inchiavabile scrive:

      La lepen è l’unica in europa, dopo il berlusca che può mandare a casa la culona inchiavabile e distruggere completamente il quarto reich.

    8. la culona inchiavabile scrive:

      La lepen è l’unica in europa, dopo il berlusca che può mandare a casa la culona inchiavabile e distruggere completamente il quarto reich.
      La germania vince sempre tutte le battaglie, ma perde sempre le guerre!

    9. laculonainchiavabile scrive:

      La lepen è l’unica in europa, dopo il berlusca che può mandare a casa la culona inchiavabile e distruggere completamente il quarto reich.
      La ngermania vince tutte le battaglie, ma perde tutte le guerre.

    10. pio scrive:

      Le nostre nazioni, le nostre camere a gas, le nostre guerre coloniali,
      Le nostre fogne..

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Ultime Notizie

    mondo drone travelbydrone

    Il sito che ti fa vedere il mondo ripreso dai drone

    18:59 Avreste voglia di vedere tutto il mondo ma non siete in grado di farlo? Oggi, grazie a Travelbydrone, è possibile visitare alcuni tra i luoghi più scenografici della Terra senza alzarsi dalla propria sedia. Su questo sito vengono indicate tutte le CONTINUA