CasaPound
|

La foto della bandiera di CasaPound nel campo di addestramento nazista di Carpatian Sich

Casapound ha partecipato a un campo di addestramento organizzato da una milizia neonazista ucraina, Carpathian Sich? L’ipotesi è alimentata da una foto e da un articolo diffusi su alcuni profili social di gruppi antifascisti, come Informazione Antifascista.

LA FOTO DELLA BANDIERA DI CASAPOUND NEL CAMPO DI ADDESTRAMENTO DI CARPATHIAN SICH

Nel pezzo del sito ucraino chas-z.com sono riportate le fotografie di un campo di addestramento militare organizzato da una milizia neonazista, Carpatihan Sich.

CasaPound

Il gruppo Carpantian Sich, o Karpatska Sich, la trascrizione in inglese di Карпатськa Січ, è una delle organizzazioni fondatrici di Pravyi Sektor, il Blocco di destra, il partito dell’estrema destra ucraina. Il Blocco di destra ha organizzato milizie militari che hanno combattuto contro la Russia durante la guerra nel Donbass, dove ormai da più di tre anni prosegue un conflitto militare tra le forze filo Mosca contrapposte all’esercito di Kiev e alle altre formazioni paramilitari ucraine. L’ideologia di Blocco di destra, in particolare delle milizie che l’hanno fondato, è vicina al neonazismo, un estremismo di destra che da sempre inquieta l’Unione europea e gli Usa alleati col governo di Kiev nel conflitto con la Russia. Nell’estate del 2016, come mostra l’articolo di chas-z.com, basato su fotografie e dichiarazioni condivise sul social media Vk.com, alcune formazioni di estrema destra hanno partecipato al campo di addestramento organizzato da Karpatska Sich. Nelle foto si può vedere la bandiera di CasaPound, che non è citata: l’articolo parla genericamente di patrioti europei. Nel luglio 2016, ovvero poco prima della condivisione di questa foto, c’era stata una visita di un importante esponente di una milizia neonazista ucraina in Italia. Come scritto dall’Osservatorio sulle nuove destre, «Nazar Kravchenko, “Capo delle Squadre civili AZOV”, ha fatto visita a Milano, lo scorso luglio, alla sede di Casa Pound, incontrando Massimo Trefiletti, per «pianificare», come recita una nota comparsa sul bollettino «Reconquista», «futuri scambi di esperienze». Si è trattato di una sorta di gemellaggio con «riviste, libri e volantini» dati in omaggio a Nazar Kravchenko, che ha anche paragonato la Casa Kozatsky a Kiev, dove si addestrano «prima di partire per la zona di guerra nel Donbas» le “squadre nere” (Чорний Корпус) di Azov, alla sede centrale di Casa Pound a Roma.  Per la cronaca il cosiddetto battaglione Azov, costituitosi nel maggio 2014 e attualmente inquadrato nella Guardia nazionale dell’Ucraina (circa mille uomini con neonazisti provenienti da varie parti d’Europa), il cui simbolo riprende lo stemma di alcune divisioni delle Waffen-SS (la Das Reich e la Nederland), non è altro che una banda paramilitare di impronta hitleriana operante al servizio di Kiev, entro cui sono confluiti gli scherani di Pravyj sektor (Settore destro) e Patriot ukrainy (Patriota dell’Ucraina)».

LEGGI ANCHE > SIMONE DI STEFANO RIVENDICA IL FASCISMO DI CASAPOUND: «SIAMO GLI EREDI DELLA REPUBBLICA DI SALÒ»

I LEGAMI TRA CASAPOUND E IL NEONAZISMO UCRAINO

Il  battaglione Azov ha ripetutamente indicato come modello e punto di riferimento CasaPound. Tra le milizie nazionaliste dell’Ucraina e CasaPound esistono dunque diversi legami. A fine 2016 Karpatska Sich aveva fatto gli auguri al movimento di estrema destra per i 13 anni della sua fondazione sul proprio profilo Vk, il social media simile a Facebook utilizzato primariamente in Russia e nei Paesi confinanti. Nel 2014 era stato rivelato come diversi esponenti di estrema destra, come Francesco Saverio Fontana, fossero andati a combattere in Ucraina orientale schierandosi con le milizie naziste anti russe. Fontana è legato a Gabriele Adinolfi, il fondatore di Terza Posizione insieme a Roberto Fiore, che a inizio 2017 aveva condiviso su Facebook il comunicato stampa di Blocco di destra che solidarizzava con Casapound per l’ordigno scoppiato nei pressi della libreria “Il Bargello”.

CasaPound

A inizio 2014 CasaPound esultava per la caduta del governo filo russo in Ucraina sostenendo le milizie di estrema destra, anche se gradualmente il movimento di estrema destra si è spostato su posizioni vicine a Mosca dopo la sua alleanza, ora interrotta, con la Lega di Salvini.

TAG: Casapound