squalificate ignazio cecilia
|

La svolta bigotta del pubblico GF Vip: «Squalificate Ignazio e Cecilia dopo il video del sesso orale»

Rivolta tra gli appassionati del GF Vip. Il pubblico del reality show Mediaset sta cercando di mettere in piedi una vera e propria class-action per proporre la squalifica di Cecilia Rodriguez e di Ignazio Moser dopo che ieri i due si sono lasciati andare a un nuovo episodio di passione. Le telecamere del Grande Fratello, infatti, li hanno inquadrati mentre – cercando di nascondersi in un armadio – stavano portando a termine quello che a tutti è sembrato un rapporto orale.

LEGGI ANCHE > Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez a letto insieme: l’ex di lei la prende benissimo | VIDEO

«SQUALIFICATE IGNAZIO CECILIA», L’APPELLO DEL WEB

Gli amanti della trasmissione – nonostante in passato si siano verificati diversi episodi del genere – si sono scoperti improvvisamente bigotti e con la propensione a scandalizzarsi facilmente. Su Facebook e Twitter, infatti, sono comparsi appelli alla squalifica per la nuova coppia più chiacchierata della televisione italiana. «Atti osceni in luogo non appropriato» cinguetta un utente su Twitter, «annullate il televoto e mandateli a casa» gli fa eco un altro. Qualcun altro propone di richiamare tutti gli altri concorrenti squalificati fino a questo momento a causa, ad esempio, delle bestemmie pronunciate. E poi, gif, appelli, meme e chi più ne ha, più ne metta, per commentare una vicenda che sta assumendo i paradossali contorni del caso nazionale.

«SQUALIFICATE IGNAZIO CECILIA»: I PRECEDENTI NELLA CASA

Per non parlare dei gruppi su Facebook, che stanno urlando allo scandalo e che chiedono alla produzione il provvedimento disciplinare. Ignazio e Cecilia, a quanto pare, non riescono a contenere l’attrazione che provano l’uno per l’altra e non sono nuovi a episodi di questo genere. Nelle settimane precedenti, sono stati beccati a scambiarsi effusioni dietro la tenda del confessionale, sotto le lenzuola, in tende improvvisate e realizzate con cuscini e coperte. Neanche l’armadio è riuscito a nasconderli al pubblico: che ora grida vendetta.