Khal Drogo stupro
|

Quando Khal Drogo di Game of Thrones disse: «Adoro il fatto che nei film fantasy si possano stuprare bellissime donne» | VIDEO

Un episodio avvenuto ben sei anni fa. Che, però, in piena bufera stupri nel mondo dello spettacolo, riesplode potente come un ordigno a orologeria. Il protagonista è Jason Momoa, l’attore che interpreta Khal Drogo nella prima stagione della fortunata serie tv Game of Thrones. Nel corso di una conferenza stampa del 2011, infatti, gli venne chiesta la sua impressione sulla recitazione in film fantasy. L’attore, scivolando su una battuta davvero infelice, rispose: «Adoro recitare in questo tipo di film: si possono fare delle cose straordinarie come tagliare la lingua di qualcuno o stuprare bellissime donne».

LEGGI ANCHE > La vecchia lettera di Asia Argento sulle violenze di Harvey Weinstein

KHAL DROGO STUPRO, ECCO IL VIDEO CON LA FRASE INCRIMINATA

KHAL DROGO STUPRO, LE SCUSE SU INSTAGRAM

Una frase che ha avuto una enorme cassa di risonanza, in un momento delicato per Hollywood, con uno dei suoi produttori più celebri, Harvey Weinstein, messo sotto accusa proprio da alcune attrici che hanno denunciato di aver subito delle molestie sessuali. Ovviamente, una espressione del genere – ripresa a sei anni di distanza – ha provocato la reazione di Jason Momoa che si è scusato su Instagram.

I APOLOGISE Aloha j

Un post condiviso da Jason Momoa (@prideofgypsies) in data:

L’attore ha diffuso una nota sul popolare social network, in cui ha affermato: «Tempo fa ho fatto una battuta di pessimo gusto che ha scatenato reazioni indignate. Sono deluso con me stesso per l’indelicatezza che ho mostrato quel giorno. So che le mie parole non allevieranno la sofferenza provocata da quello scherzo. La violenza sessuale può colpire chiunque e me ne sono reso conto di persona nella mia famiglia. Ho fatto un commento davvero privo di gusto e sensibilità. È inaccettabile e mi scuso ancora con il cuore pieno di vergogna per le parole che ho pronunciato». Verrà perdonato dai suoi fan?

Credit Image: © Daren Fentiman via ZUMA Wire