Casapound
|

CasaPound alla conquista di Ostia grazie a violenze contro gli stranieri e cibo donato agli italiani

CasaPound sta puntando moltissimo sulle elezioni municipali di Ostia. Il decimo municipio di Roma rinnoverà il suo presidente e il consiglio domenica 5 novembre. Il movimento di destra radicale, fondato nella capitale, che è il suo cuore operativo e la roccaforte per numero di militanti e attività, è rilevato da sondaggi riservati su percentuali molto elevate.

CASAPOUND ALLA CONQUISTA DI OSTIA

Il candidato sindaco di CasaPound, Luca Marsella, è il leader della sezione di Ostia da molto tempo. Poco più che trentenne, consulente informatico per professione, Marsella è stimato dai sondaggi intorno al 10%. Un risultato che sarebbe clamoroso, e ragionevolmente spingerebbe M5S e centrodestra al secondo turno per la vittoria. La strategia perseguita da CasaPound a Ostia in questi anni assomiglia molto al modo in cui Alba Dorati si è affermata in Grecia durante la crisi. Aiuti ai poveri italiani con iniziative di solidarietà come la distribuzione di pacchi di cibo a lunga scadenza, e i blitz e le ronde contro gli immigrati che fanno gli ambulanti abusivi. CasaPound, racconta Marsella a Repubblica, assiste 230 famiglie. Solo italiane, ovviamente, dietro la presentazione del’indicatore ISEE. Secondo l’esponente di Cpi di Ostia ci sono anche molte persone che votavano a sinistra tra gli assistiti del movimento di estrema destra. Si tratta di quella che Simone Di Stefano, il vicepresidente di CasaPound, sintetizza nella formula di soluzioni fasciste ai problemi locali.

LEGGI ANCHE > LA GAFFE DI LUIGI DI MAIO SU CESARE BATTISTI: «FERITI DAGLI ANNI DELLO STRAGISMO»

CASAPOUND STIMATA AL 10% NEI SONDAGGI PER LE MUNICIPALI DI OSTIA

La solidarietà deve essere declinata solo nei confronti degli italiani, mentre gli stranieri devono essere allontanati. Decine di volontari delle associazioni di solidarietà o cooperative sociali svelano però una realtà molto diversa dalle parole di Marsella, come rimarca l’articolo di Giovanna Vitale su Repubblica. I pestaggi sarebbero all’ordine del giorno verso chi dissente contro Cpi, oppure toglie i loro manifesti abusivi dai muri. Diversi si interrogano inoltre su chi finanzi una campagna elettorale così costosa, che i vertici di CasaPound giudicano indispensabile per raggiungere l’obiettivo finale: il Parlamento. Un boom alle municipali di Ostia garantirebbe a Iannone e Di Stefano una visibilità e una spinta necessaria per poter sognare di superare la soglia di sbarramento del 3%.

Foto copertina: ANSA/ WEB/ CASAPOUND

TAG: Casapound