Pistoia
|

Un richiedente asilo di Pistoia agli arresti domiciliari per molestie sessuali nei confronti di una tredicenne

Pistoia, un richiedente asilo del Pakistan è stato arrestato e sottoposto agli arresti domiciliari nel centro di accoglienza per i rifugiati per una molestia sessuale compiuta nei confronti di una giovane alunna di una scuola media di tredici anni.

UN RICHIEDENTE ASILO ARRESTATO A PISTOIA PER MOLESTIE SESSUALI SU UNA TREDICENNE

L’episodio denunciato dai genitori della ragazza è avvenuto a maggio scorso, durante l’anno scolastico, nei pressi di una fermata di un autobus che la giovane residente in una frazione di Pistoia prendeva regolarmente per andare a scuola. La tredicenne, dopo esser stata ripetutamente seguita e avvicinata nei giorni precedenti, sarebbe stata seguita dal richiedente asilo politico del Pakistan, di 35 anni, che le avrebbe chiesto nome e numero di telefono. Di fronte al rifiuto a parlargli della giovane, il 35enne pakistano l’avrebbe aggredita, anche sessualmente. La tredicenne non è stata violentata, ma avrebbe subito pesanti palpeggiamenti. La molestia sessuale sarebbe stata interrotta grazie all’intervento di una compagna di scuola della ragazza, la cui presenza avrebbe convinto il richiedente asilo a desistere, come racconta il Corriere della Sera.

 

LEGGI ANCHE >IL CARABINIERE PIETRO COSTA CONFERMA UN RAPPORTO PIENAMENTE CONSENZIENTE

L’identificazione del richiedente asilo pakistano sarebbe stata possibile grazie alle foto scattate con lo smartphone della tredicenne, che in precedenza l’aveva ripreso dopo i ripetuti episodi in cui l’uomo si avvicinava a lei. La ragazza ha spiegato come il richiedente asilo la continuasse a seguire durante i suoi percorsi a piedi verso la fermata dell’autobus che entrambi prendevano nella frazione di Pistoia. Spesso le sedeva vicino fissandola in continuazione, senza mai rivolgerle la parola. Il contatto è stato cercato una sola volta, e di fronte al diniego della giovane di iniziare una conversazione sarebbe scattata la violenza che ha causato il provvedimento cautelare nei confronti del 35enne pakisano.

Foto generica di copertina: ANSA/ GIORGIO BERNARDINI