Fusaro Atreju
|

Il marxista Diego Fusaro alla festa sul patriottismo di Giorgia Meloni

La festa organizzata da Giorgia Meloni ha sempre vissuto momenti di confronto con altre parti politiche. Quest’anno, però, la leader di Fratelli d’Italia-An ha voluto proprio esagerare. Tra i relatori di un convegno sul patriottismo – che si svolgerà nell’ambito del cartellone di Atreju 2017, la kermesse annuale del partito della politica romana – ci sarà anche il filosofo marxista Diego Fusaro. E l’evento sarà introdotto da un video in cui sarà presente il tenore Andrea Bocelli.

LEGGI ANCHE > Diego Fusaro presenterà un libro in un circolo fascista. Einaudi che dice?

FUSARO ATREJU, UNA PRESENZA ATIPICA

Insomma, confronto sì, ma piuttosto spinto. Il movimento politico di Giorgia Meloni, infatti, almeno in teoria dovrebbe trovarsi agli antipodi rispetto a una visione marxista della società. E invece Diego Fusaro sarà presente all’evento che inizierà alle 15.30 del 23 settembre nella sala Italo Balbo e che avrà come titolo «L’Italia chiamò, la ricerca necessaria. Vivere. Esperienze e modelli di amore per la propria terra».

FUSARO ATREJU, I PRECEDENTI DEL FILOSOFO A MANIFESTAZIONI DI DESTRA

L’intervento di Diego Fusaro riguarderà «Pensieri e parole sulla sovranità», davanti a una platea che, stando alla storia delle ideologie, dovrebbe essergli ostile. E che invece lui sembra apprezzare sempre di più. Non solo quando fa da contraltare a esponenti politici di sinistra e di centro-sinistra in diverse trasmissioni televisive di emittenti private (ah, il capitalismo!), ma anche in altre occasioni in cui ha presentato i suoi libri in circoli che fanno riferimento a idee di estrema destra.

Atreju 2017, al centro delle polemiche perché a un suo video non è stato accettata la sponsorizzazione da parte di Facebook, del resto, ospiterà anche il ministro Marco Minniti, che ha avuto un passato da dirigente del Partito Comunista Italiano. Il dibattito è aperto e plurale. Ma, forse, ai filosofi marxisti in una convention di destra ci dobbiamo ancora abituare.

(FOTO da ANSA/ UFFICIO STAMPA)