autore del cartello contro un disabile
|

L’autore del cartello contro un disabile si scusa: «Ho agito d’impulso, non volevo offendere»

L’autore del cartello contro un disabile al centro commerciale “Carosello” di  Carugate ha chiesto scusa. Lo ha fatto inviando una lettera a Ledha – Lega per i diritti delle persone con disabilità, che aveva sporto denuncia contro di lui il mese scorso. «Non credo in alcun modo a quello che ho scritto, non volevo offendere le persone con disabilità nella loro totalità», scrive in una raccomandata l’autore del vergognoso cartello «A te handicappato che ieri hai chiamato i vigili per non fare due metri in più vorrei dirti questo: a me 60 euro non cambiano nulla, ma tu rimani sempre un povero handicappato. Sono contento che ti sia capitata questa disgrazia».

LEGGI ANCHE > PARCHEGGIA NEL POSTO DEI DISABILI, VIENE MULTATO E POI SCRIVE IL CARTELLO DELLA VERGOGNA: «SONO CONTENTO CHE TU SIA UN POVERO HANDICAPPATO»

«Ho agito d’impulso», spiega D. T., il quarantenne autore del cartello contro un disabile, incastrato dalle immagini di sorveglianza, che si è recato al centro commerciale “Carosello” di Carugate il giorno successivo a quando è stato multato per aver parcheggiato nel posto riservato ai portatori di handicap per lasciare il messaggio altamente diffamatorio, per il quale ora dovrà rispondere anche sul piano penale.

LEGGI ANCHE > L’AUTORE DEL CARTELLO «CONTENTO CHE TU SIA HANDICAPPATO» DI CARUGATE È STATO IDENTIFICATO

A fare sapere del suo ravvedimento è – in una nota – la stessa Ledha. «Nel momento in cui abbiamo sporto denuncia per questo fatto, avevamo auspicato un incontro con la persona che ha appeso il cartello – ha commentato il vicepresidente della Lega per i diritti delle persone con disabilità, Marco Faini -. Questa lettera rappresenta un primo passo in avanti». Nella missiva l’autore del cartello contro un disabile a Carugate si è detto disponibile a dedicare parte del proprio tempo libero a riparare l’offesa arrecata, specificando di «non credere in alcun modo» a quello che ha scritto, né di voler «estendere il pensiero in alcun modo all’intera categoria».

LEDHA: «L’AUTORE DEL CARTELLO CONTRO UN DISABILE CI HA INVIATO UNA LETTERA DI SCUSE, MA SENZA LASCIARCI E-MAIL E NUMERO DI TELEFONO»

Una bella idea quella dell’autore del cartello contro un disabile: vuole rifarsi con il volontariato. Peccato che però non abbia lasciato un proprio recapito, come spiega il vicepresidente di Ledha: «Purtroppo, il signor D.T. non ci ha lasciato un recapito telefonico né un indirizzo di posta elettronica a cui poterlo contattare tempestivamente. Abbiamo fatto diversi tentativi per reperire un suo contatto telefonico, ma senza successo». Alla lettera di scuse, quindi Ledha ha risposto con un’altra missiva, in cui è tornata a chiedere un incontro di persona con il signor D. T., invitandolo a mettersi in contatto direttamente con l’associazione. Nel frattempo la Lega per i diritti delle persone con disabilità non ha ritirato la denuncia contro l’autore del cartello contro un disabile a Carugate, dal momento che – ricorda l’associazione – le sue parole «rappresentano una gravissima offesa per tutte le persone con disabilità».