Di Maio
|

Di Maio criticato per una visita a un’azienda siciliana indagata

Di Maio è stato costretto ad annullare una visita a un’azienda siciliana dopo le forti critiche ricevute da diversi esponenti del M5S. L’impresa che l’esponente dei 5 Stelle avrebbe visitato insieme al candidato presidente della Sicilia Giancarlo Cancelleri, l’Agrumigel, è diventata oggetto di controversia per i problemi giudiziari avuti in passato.

LA CONTROVERSA VISITA DI DI MAIO AD AGRUMIGEL

L’amministratore dell’impresa agricola sita a Barcellona Pozzo di Gotto, l’imprenditore Salvatore Imbesi, è stato rinviato a processo per una presunta evasione fiscale da mezzo milione di euro. Imbesi, in passato consigliere comunale per il Popolo della Libertà, ha subito recentemente anche il sequestro di un terreno trasformato secondo l’accusa in una discarica abusiva. Sospetti su attività illecite di Agrumigel che hanno spinto Alessio Villarosa, deputato del M5S, a criticare il programma di Di Maio e Cancelleri nella chat di gruppo dei parlamentari. Come racconta Annalisa Cuzzocrea su Repubblica, i rilievi di Villarosa hanno scatenato pesanti critiche di altri parlamentari per la visita a un’azienda indagata per un reato come l’inquinamento ambientale, assai distante dai valori dei 5 Stelle. L’insoddisfazione di una parte del gruppo parlamentare per la campagna elettorale siciliana è assai forte, visto che si accusano Cancelleri e Di Maio di seguire una linea troppo morbida sulla legalità, come già osservato nel caso della tolleranza verso il cosiddetto abusivismo di necessità. Per il M5S le regionali in Sicilia rappresentano una grande occasione di rilancio. L’impopolarità del presidente Crocetta, non ricandidato dal PD, e la relativa debolezza di Musumeci, che corre per la guida della Sicilia per la terza volta, oltre che alla forza dei 5 Stelle nell’isola, potrebbero favorire una vittoria del M5S. I 5 Stelle potrebbero conquistare per la prima volta un’amministrazione regionale, un risultato storico vista l’importanza della Sicilia, riscattando inoltre l’esito molto deludente delle comunali 2017. Diversi esponenti del M5S però rimproverano uno scarso rispetto dei tradizionali standard di legalità e trasparenza per la ricerca dei voti, che servono a Di Maio anche per accreditarsi come possibile presidente del Consiglio.

Foto copertina: ANSA/ALESSANDRO DI MARCO