minniti
|

Minniti e l’aereo di Stato per andare alla finale di Champions League a Cardiff

Marco Minniti criticato per essersi recato a Cardiff per assistere alla finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid, lo scorso 3 giugno, a bordo di un aereo di Stato. Oggi il quotidiano La Notizia in un articolo a firma di Carmine Gazzanini (riportando informazioni contenute in un documento pubblico sui voli dei Ministeri, registrate in un ufficio che fa capo a Palazzo Chigi) se la prende con il ministro dell’Interno per essere nello stesso tempo «inflessibile nel frenare gli sbarchi dei migranti in Italia, con tanti di apprezzamenti da Europa e Vaticano» ma abile a «imbarcarsi su un volo di Stato» per assistere ad una manifestazione sportiva all’estero:

Basta scartabellare tra le tante tratte dei ministeri registrate all’Ufficio “per i voli di Stato, di Governo e umanitari” che fa capo direttamente a Palazzo Chigi, per scoprire che Minniti si è recato a Cardiff lo scorso 3 giugno con volo di Stato “istitutizionale”. Ovviamente la Notizia ha chiesto conto al Viminale di tale trasferta. Poche righe, ma molto chiare: “si conferma – ci dicono dall’ufficio stampa – che il 3 giugno scorso il ministro dell’Interno Marco Minniti, è stato formalmente delegato in qualità di rappresentante del governo, a partecipare alla manifestazione internazionale a Cardiff”. In altre parole, è consuetudine che ad eventi intenzionali sia presente un membro di Governo e, in quell’occasione, Palazzo Chigi ha pensato bene di inviare il ministro Minniti (che, per inciso, nemmeno è bianconero, tenendo per l’Inter). Insomma, l’usus vuole che ci sia un rappresentante istituzionale in occasione di eventi sportivi.

 

minniti
(Immagine: i dati sui voli di Stato di giugno 2017)

 

LEGGI ANCHE > Il dito medio di Higuain contro i tifosi del Barcellona | VIDEO

 

MINNITI A CARDIFF CON UN AEREO DI STATO, COME RENZI AGLI US OPEN

In effetti, come ricorda La Notizia, anche Matteo Renzi, da premier, nel 2015, si recò alla finale degli Us Open tra due italiane, Flavia Pennetta e Roberta Vinci. Ed anche quella volta non mancarono le critiche per l’utilizzo di un aereo di Stato. Anche in quel caso il governo rispose sostenendo che la ragion di Stato obbligava ad una presenza. Altra critica al volo di Minniti (partito da Reggio Calabria, il ministro era legittimamente a casa) a Cardiff viene mossa per la scelta del ministro: perché quello dell’Interno e non quello Sport Luca Lotti?

(Foto: ANSA / GIUSEPPE LAMI)