Kyenge
|

Cécile Kyenge risponde agli insulti di Fabrizio Bracconeri

Cécile Kyenge ha risposto alle offese di Fabrizio Bracconeri. L’ex ministro ed europarlamentare del Partito Democratico era stata attaccata in modo molto violento dal conduttore e attore televisivo, che alle elezioni per il Parlamento UE si era candidato con Fratelli d’Italia mentre Kyenge correva per il PD, per quanto in un’altra circoscrizione. Su Facebook come su Twitter l’ex ministro del Governo Letta ha risposto così: «Mi è stato detto che un signore che non conosco ha riottenuto oggi una certa visibilità in modo poco originale: insultandomi. #UnAbbracciodiPace». Una bella risposta, che sarebbe stata perfetta se Kyenge avesse evitato di sottolineare la relativa scarsa celebrità di Bracconeri.

LEGGI ANCHE > FABRIZIO BRACCONERI SOSPESO DA TWITTER DOPO GLI INSULTI A CÈCILE KYENGE

 

Kyenge

Probabilmente non è la visibilità quella a cui mirava l’ex conduttore di Forum, che su Twitter si era già espresso con toni simili contro Renzi o altri esponenti di sinistra. Fa piacere comunque che Cécile Kyenge abbia scelto un modo signorile per spegnere una polemica assurda. Oltre che assai offensive e volgari, le parole di Fabrizio Bracconeri erano insensate e prive di ogni fondamento. L’ex Bruno Sacchi dei Ragazzi della Terza C aveva definito Kyenge musulmana, quando in realtà l’ex ministro è cattolica.  Senza citare più gli altri insulti scritti da Bracconeri, al momento ancora sospeso da Twitter. Il blocco del profilo del candidato di Fratelli d’Italia ha suscitato diverse polemiche sui social, visto che un po’ di sovranisti razzisti l’hanno perfino definita una lesione della libertà di espressione.

Foto copertina: ANSA/ FABRIZIO PETRANGELI