luca russo
|

«Luca non è morto da solo. Mi ha guardato, ha guardato il cielo, era sereno»

«Alla famiglia di Luca Russo». Inizia così post su Facebook di Paula O’Rourke, americana che ha soccorso il giovane italiano investito e ucciso nell’attentato sulle Ramblas.
Lei, residente a Barcellona, ha raccontato gli ultimi istanti di vita di Luca in una sorta di lettera aperta alla famiglia di Bassano del Grappa.

LEGGI ANCHE > «LUCA NON C’È PIÙ». IL PIANTO DI MARTA, FIDANZATA DEL GIOVANE UCCISO SULLE RAMBLAS

«L’ho trovato sulle Ramblas. Sono un’infermiera, ero con lui quando se ne è andato – ha postato Paula – Mi ha guardato e ha guardato il cielo, era sereno. Non è morto da solo e forse questo può dare un momento di pace, solo un momento».