scout
|

Quattro scout si perdono nel bosco, i capi le cercano, ma si perdono anche loro

Nel buio del bosco sopra la Valle di Riofreddo in Friuli Venezia Giulia si sono perse ieri quattro ragazze scout minorenni, recuperate fortunatamente dopo poco dai soccorritori di Cave del Predil. Peccato che – un volta messe in salvo le giovani – ci sia stato bisogno di un secondo intervento, per raggiungere i loro capi scout che erano andati a cercarle a piedi.

Le quattro ragazze, tutte minorenni, tra i 14 e i 15 anni, erano partite verso le 16 dal campo scout di Valbruna, in provincia di Udine. La missione, programmata dai capi scout, prevedeva un cammino lungo il sentiero Cai 615, per poi raggiungere il Bivacco Carnizza di Riofreddo. Lì le quattro boy-scout, monfalconesi residenti a Grado, avrebbero dovuto trascorrere la notte, per ridiscendere poi il giorno dopo al campo, attraverso lo stesso percorso.

DOPPIO INTERVENTO DEL SOCCORSO ALPINO DI CAVE DEL PREDIL: SALVANO QUATTRO SCOUT E I CAPI ANDATI A CERCARLE

Hanno forse ritardato la partenza e per questo non sono riuscite a raggiungere il bivacco prima del tramonto. Sole nel bosco al buio, verso le 21, hanno chiamato il 112 e chiesto aiuto. A quel punto è intervenuto il soccorso alpino di Cave del Predil, che ha percorso la forestale con i fuoristrada e non ha avuto difficoltà a recuperare le ragazze, che avevano le torce elettriche accese e si trovavano vicino al bivio tra il sentiero e la strada.

I soccorritori hanno raggiunto e caricato le ragazze sui fuoristrada, pronti per riconsegnarle ai loro capi. Peccato che nel frattempo due di loro si fossero mossi a loro volta, per recuperare – a piedi e lungo lo stesso sentiero – le ragazze disperse. I soccorritori sono riusciti a ritrovarli attraverso il sistema di georeferenziazione Sms locator.

Foto copertina: ANSA/ufficio stampa Agesci in occasione campo scout a San Rossore, agosto 2014

TAG: capo scout