ischia biglietti
|

Ischia: quei biglietti fatti pagare alla gente in fuga dall’isola

Le partenze per Casamicciola sono crollate del 60%, c’è il rimborso dei biglietti previsto per quelli presi in prevendita e un forte afflusso di turisti che tornano da Ischia. Questa la situazione che stamattina c’era al molo Beverello.

GUARDA ANCHE > TERREMOTO ISCHIA: RECUPERATI I BAMBINI INTRAPPOLATI A CASAMICCIOLA. MATTIA: «DOVE MI PORTATE?»| VIDEO

Gli aliscafi tornano pieni di turisti che hanno deciso di interrompere la vacanza e la Snav ha deciso di mettere in servizio da Casamicciola, la zona più colpita dalla scossa, una nave più grande, la Orion, per venire incontro alla forte richiesta.
E il biglietto? Si paga. Ovvio. Lo testimonia una foto diffusa dall’inviato di Striscia Luca Abete.

La decisione delle compagnie sta scatenando una certa polemica. Assoutenti Napoli e Campania non l’hanno presa benissimo.

“Assoutenti Campania e Napoli denunciano l’assurda situazione in cui si trovano i turisti e i villeggianti di ISCHIA, che, a seguito del tragico evento sismico delle 21 di ieri, si trovano in seria difficoltà se costretti ad abbandonare l’isola, anche per il venir meno di alloggi che avevano in fitto o della disponibilità alberghiera. Si è creata un’enorme fila ai porti, sia per la chiusura delle esistenti biglietterie, da alcuno sollecitate all’apertura oltre orario previsto, sia per la mancanza di conseguente gratuità di servizio di emergenza. Servizio nemmeno a tempo predisposto. Solo da questo pomeriggio, le Compagnie, sollecitate, metteranno a disposizione a quanto pare i loro mezzi di collegamento con Napoli, facendoli convergere sui porti dell’isola. Tutto questo denota anche la totale mancanza di un qualsiasi piano predisposto dai Comuni interessati e dalla Regione Campania in relazione ad eventi sismici, pur essendo l’isola d’ISCHIA predisposta a tali eventi e rientrante in tali ambiti geologici. Ci riserviamo ogni eventuale tutela di chi avesse patito problemi per tali incongrue situazioni”

Nonostante ci siano oltre 2 mila sfollati alcuni hotel non sono agibili. Gli altri però vengono abbandonati dai turisti nonostante l’invito a rimanere dei gestori.