|

Terremoto Ischia: recuperati i bambini intrappolati a Casamicciola. Mattia: «Dove mi portate?». A breve atteso anche Ciro | VIDEO

Nella notte, i vigili del fuoco avevano recuperato con tantissima commozione il loro fratellino Pasquale, di soli sette mesi. L’incubo per la famiglia di Casamicciola, rimasta intrappolata sotto le macerie di una palazzina crollata a causa del sisma di magnitudo 4.0 di ieri sera, sta per finire. I soccorritori hanno estratto vivi anche Mattia e il salvataggio di Ciro sembra essere questione di pochi minuti.

LEGGI ANCHE > Terremoto Ischia, salvato Pasquale di 7 mesi: si scava ancora per salvare i suoi fratelli | VIDEO

TERREMOTO ISCHIA RECUPERATI BAMBINI, I SOCCORSI

I bambini hanno avuto sempre un contatto diretto con i vigili del fuoco che hanno parlato con loro per tutta la notte. I minori non sembrano aver riportato gravi ferite. Intorno alle 7.30 i vigili del fuoco hanno avuto un contatto ravvicinato con i bambini dopo quasi dieci ore e sono anche riusciti a porgere ai bimbi due bottigliette d’acqua.

Subito sicuro del buon esito delle operazioni il nonno Pasquale, che ha seguito da vicino i soccorsi: «Il più grande è un bambino forte – aveva detto durante il salvataggio dei vigili del fuoco -, con il suo coraggio aiuterà il fratello più piccolo». Commozione anche per il papà Alessandro che è stato il primo a essere estratto dalle macerie nella notte. Le prime parole di Mattia sono state: «Dove mi portate?». Lo ha riferito una zia del bambino.

TERREMOTO ISCHIA RECUPERATI BAMBINI, LE DIFFICOLTÀ NELLE OPERAZIONI

Le operazioni, hanno spiegato i vigili del fuoco, sono state rese difficili dalla quantità di macerie ammassate, dai pilastri in cemento armato e dal solaio sovrapposto alle altre pietre. Per prima cosa, comunque, è stato creato un piccolo varco per permettere ai bambini di vedere la luce, elemento di grande aiuto da un punto di vista psicologico.