Schwarzenegger
|

L’intenso video appello di Schwarzenegger a Trump e ai neonazisti dopo Charlottesville

L’attore ed ex governatore repubblicano della California Arnold Schwarzenegger ha diffuso un video appello – pubblicato da ATTN – per Trump e per i neonazisti che hanno partecipato alla marcia di estrema destra di Charlottesville lo scorso weekend, in cui una donna è morta e altri manifestanti che si opponevano al raduno sono stati feriti da un uomo che li ha investiti.

 

SCHWARZENEGGER: «NON CI SONO DUE LATI DELL’ESTREMISMO»

Innanzitutto Schwarzenegger parte dal criticare le parole di Donald Trump, che ha ripetuto più volte che nei fatti di Charlottesville lo colpe stanno da due parti.

Se si sceglie di marciare con una bandiera che rappresenta il massacro di milioni di persone, non ci sono due lati. L’unico modo per battere il rumore, le voci infiammate dell’odio è fronteggiarle con voci più forti e più ragionevoli. Questo riguarda anche te, Presidente Trump, infatti, come presidente di questa grande nazione, tu hai la responsabilità morale di inviare un messaggio inequivocabile, in cui spieghi che non tolleri l’odio e il razzismo.

SCHWARZENEGGER E IL PUPAZZETTO DI TRUMP

L’ex governatore della California Schwarzenegger allora si propone a Trump, per aiutarlo a scrivere un discorso breve ed efficace, per esprimere il suo netto distacco dai neonazisti. Poi, tenendo tra le mani un pupazzetto del presidente Trump, gli dice: «È stato così difficile? Vedi, te l’avevo detto».

Ecco il discorso che Schwarzenegger scrive per Trump:

Come presidente degli Stati Uniti e come repubblicano, mi rifiuto di supportare i suprematisti bianchi. Nel Paese che ha sconfitto l’esercito di Hitler, non c’è spazio per le bandiere naziste. Il partito di Lincoln non può stare dalla parte di chi sventola la bandiera di guerra della fallita Conferazione (gli Stati confederati del Sud durante la Guerra di Secessione ndr)

LEGGI ANCHE > LA GENTE PRENDE IN GIRO TRUMP DOPO LE SUE DICHIARAZIONI SU CHARLOTTESVILLE

SCHWARZENEGGER AI NEONAZISTI: I VOSTRI EROI SONO DEI PERDENTI, IO LI HO CONOSCIUTI

A questo punto Schwarzenegger si rivolge direttamente ai neonazisti che hanno sfilato a Charlottesville lo scorso weekend:

Ho un messaggio per i neonazisti, i nazionalisti bianchi, e i neo-confederati, lasciatemi essere il più schietto possibile: i vostri eroi sono dei perdenti, state supportando una causa persa. Credetemi, ho conosciuto i nazisti originali, sono nato in Austria nel 1947, subito dopo la seconda guerra mondiale. Crescendo, sono stato circondato da uomini distrutti, uomini che provenivano dalla guerra, pieni di schegge di proiettile e sensi di colpa, uomini che erano stati ingannati da un’ideologia perdente, e posso dirvelo: questi fantasmi che voi idolatrate hanno speso il resto delle loro vite vivendo nella vergogna e ora sono all’inferno. So che non siete nati con queste visioni di odio, nessuno lo è, ma la verità è che non è mai troppo tardi per scegliere di imparare, di evolvere e di capire che tutti gli esseri umani hanno lo stesso valore.

SCHWARZENEGGER: «È UN PERIODO DIFFICILE PER IL NOSTRO PAESE, DOBBIAMO TUTTI FARE QUALCOSA PER AFFRONTARLO»

Dopo i neonazisti, Schwarzenegger si rivolge a tutti gli altri: in primis a chi è andato alla marcia, senza essere neonazista.

Se mi ribatteti: «Arnold, ero solo alla marcia. Non chiamarmi nazista. Non ho niente a che fare con i nazisti». Lasciami aiutarti: non uscire con persone che portano la bandiera nazista, che fanno il saluto nazista o che urlano gli slogan nazisti, vai a casa. O meglio ancora, digli che sbagliano a celebrare un’ideologia che ha ucciso milioni di persone e poi vai a casa. Sei così fortunato di vivere in un Paese che ti dà il diritto di dire cose orribili, ma pensa a come puoi davvero usare questo potere. Per qualcosa di buono.

LEGGI ANCHE > CHARLOTTESVILLE: LA FOTO DEGLI STUDENTI EROI CONTRO LA FOLLIA NAZIONALISTA

Poi Schwarzenegger si rivolge anche a tutti quelli che semplicemente non hanno battuto ciglio dopo i fatti di Charlottesville:

E a quelli che sono stati zitti dico che anche voi dovete crescere. Ho imparato molto tempo fa che l’unimo modo in cui possiamo davvero eliminare l’odio è affrontarlo a testa alta. Non è facile, certo, ma gli stereotipi sul razzismo, la religione, il genere o altro, sono come un cancro. Se hai un tumore, non puoi avere la tranquilla speranza che lentamente sparisca. Vuoi colpirlo con la chemioterapia – cazzo! – tagliarlo via e provare ogni terapia sperimentale finchè non se n’è andato. Questo non è diverso: questo è un periodo difficile per il nostro paese, certo, ma so che se abbiamo il coraggio di affrontarlo, di fare la cosa giusta, ne usciremo più forti.

L’INVITO DI SCHWARZENEGGER: «CONDIVIDETE QUESTO VIDEO PER METTERE FINE ALL’ODIO»

Nella conclusione del suo video messaggio Schwarzenegger invita tutti a seguire il suo esempio e a fare donazioni alle organizzazioni che combattono i pregiudizi e l’odio raziale. «Facciamo tutti qualcosa, adesso, per lasciare i terribili fantasmi del passato tra il cumulo di spazzatura della storia. Lì è dove meritano di stare». L’invito è anche quello di condividere il video «se si pensa che in America non ci sia spazio per l’odio».

Foto copertina: uno screenshot dal video di Schwarzenegger