boom di turisti ad Amatrice
|

Boom di turisti ad Amatrice per un Ferragosto a base di amatriciana e solidarietà

A Ferragosto boom di turisti ad Amatrice: nei tre ristoranti aperti nell’area food da poco inaugurata file di oltre un’ora e doppi turni. I turisti sono arrivati da tutta Italia, per festeggiare il Ferragosto con un piatto di amatriciana e sostenere la rinascita del comune colpito dal sisma un anno fa. Lo riferisce il Corriere di Rieti, che racconta che molte delle persone arrivate ieri sono provenienti da Roma, da Rieti e dalla vicine Marche, ma alcuni hanno fatto un viaggio addirittura dal Piemonte e dalla Lombardia.

BOOM DI TURISTI AD AMATRICE: NELLE PROSSIME SETTIMANE TANTI EVENTI PER ATTRARRE I VISITATORI

Il boom di turisti ad Amatrice non è una novità di Ferragosto: il via vai per un piatto di amatriciana è continuo da quando ha aperto l’area food. Ieri erano prenotati tutti i tavoli al ristorante “Da Giovannino” e anche al ristorante “Roma”, dove l’amatriciana è una vera istituzione. Il quotidiano locale ha testimoniato code in attesa del secondo turno della cena al ristorante Patrizia, mentre negli altri cinque ristoranti di Amatrice è una corsa contro il tempo per riuscire a riaprire al più presto, entro la prossima settimana, quando è previsto un incremento degli arrivi, grazie ai tanti appuntamenti organizzati nei luoghi rasi dalle scosse lo scorso agosto, «eventi sportivi e sagre organizzate nelle varie frazioni a riprova che c’è voglia di ripartire ovunque nelle zone colpite dal sisma», scrive il Corriere di Rieti.

Domenica prossima, in particolare, è in programma la gara podistica internazionale Amatrice-Configno ribattezzata la “Corsa della rinascita”. Tante i campioni in gara e le stelle del passato che sabato saranno presenti per omaggiare una grande competizione che ha fatto la storia di queste terre e dell’atletica italiana. Quasi duemila gli iscritti. Amatrice si prepara a “subire” un’altra invasione pacifica sempre nel segno della rinascita.

LEGGI ANCHE > MACERIE DEL TERREMOTO DEL CENTRO ITALIA, SOLO IL 6% È STATO RIMOSSO

Foto copertina: ANSA/ FABRIZIO COLARIETI