Palio Siena 2017 Lupa
|

Palio di Siena del 16 agosto 2017: problemi al cavallo, la Lupa non correrà

Il pomeriggio che porta al Palio dell’Assunta 2017 si apre subito con una notizia clamorosa. La contrada della Lupa non correrà a causa di alcuni problemi di salute del cavallo. La decisione è stata presa all’unanimità dal collegio veterinario, composto dal veterinario comunale,  dal collega nominato dal magistrato delle contrade e dal veterinario della contrada della Lupa.

LEGGI ANCHE > Palio di Siena, la maledizione di Tornasol: le prove in cui doveva correre annullate per il maltempo

PALIO SIENA 2017 LUPA NON CORRERÀ

Il cavallo Quore de Sedini, toccato in sorte alla contrada, ha presentato una improvvisa zoppia all’arto posteriore destro e, pertanto, si è resa necessaria l’applicazione della procedura prevista dall’art. 50 del regolamento del Palio. La decisione è stata comunicata dal sindaco della città senese Bruno Valentini. Scongiurato, dunque, l’ennesimo problema ai danni di un animale in precarie condizioni chiamato a correre in una manifestazione storica. La Lupa, dunque, non potrà difendere il titolo conquistato nel 2016 (quando aveva centrato l’accoppiata 2 luglio-16 agosto).

PALIO SIENA 2017 LUPA, LE POLEMICHE TRA IL SINDACO E LA LAV

In mattinata era stato lo stesso primo cittadino a tornare sulla vertenza tra il comune di Siena e le associazioni animaliste come la Lega anti-vivisezione: «Nei giorni scorsi – ha detto Valentini – ho ricevuto l’ennesimo esposto della Lav perché non sospendo il Palio. Al Mipaaf si sta discutendo su leggi che regolamentino le corse di cavallo, sia nella gestione tecnica, sia in tema di antidoping, la materia è in evoluzione e vogliamo essere ascoltati».

Il sindaco ha poi chiesto tempo e spazio per poter trovare misure adeguate all’unicità di una manifestazione come il Palio che va avanti da 400 anni. La Lav, invece, faceva riferimento alla sentenza conclusa con il rinvio a giudizio per 3 fantini e un veterinario accusati di reati che vanno dal maltrattamento di animali al concorso in falsità materiale, al doping e all’esercizio abusivo della professione veterinaria. Oggi, nonostante tutto questo, il palio si disputerà regolarmente.