Hulk Hogan
|

La strana storia di Hulk Hogan pronto ad acquistare una masseria in Salento

Hulk Hogan e il Salento vittime di una fake news? Sembrerebbe proprio di sì. Il noto wrestler statunitense, all’anagrafe Terrence Eugene Bollea, sarebbe stato avvistato nella località pugliese di Porto Cesareo. Secondo alcuni quotidiani e siti di informazione, l’atleta e attore sarebbe alla ricerca di masserie in cui investire per avviare la produzione di vino, ortaggi e frutta biologica. Un po’ come Al Bano, insomma.

LEGGI ANCHE > Hulk Hogan eliminato dal sito della WWE per commenti razzisti

HULK HOGAN PRODURRÀ VINO A PORTO CESAREO?

 

In realtà, l’indiscrezione – condita da un reportage fotografico che in realtà risale al 2008 e che è stato pubblicato dal portale Socialite Life – sarebbe partita da un noto sito satirico del meridione: la Gazzella del Mezzogiorno. Lo scorso 13 agosto, infatti, ha pubblicato un pezzo in cui riportava la storia del famoso wrestler in Salento non solo per un tuffo in acqua, ma per avviare delle trattative per acquistare masserie dove produrre vino e olio a chilometro zero.

Una notizia resa ancor meno credibile dalla presenza di 22 guardie del corpo provenienti dalla Libia che avrebbero impedito ai bagnanti di avvicinarsi alla nota personalità del mondo dello sport e del cinema. In più, in calce all’articolo, alcuni troll avevano confermato la presenza di Hulk Hogan in spiaggia a Porto Cesareo, raccontando di aver scattato alcuni selfie insieme a lui.

HULK HOGAN E IL SUO RAPPORTO DIFFICILE CON LA WWE

Niente Salento 2017, dunque per Hulk Hogan e niente competizione con Al Bano. Il wrestler è stato sempre eclettico e imprevedibile ma, evidentemente, mai fino a questo punto. Per diverse volte è entrato nella federazione mondiale di wrestling, uscendone sempre quando si presentavano i primi screzi con i vertici della federazione stessa. Nel 2015 era stato licenziato definitivamente a causa di alcuni commenti razzisti che aveva fatto nel 2007 e che sono stati resi pubblici diversi anni dopo. Per il momento, niente seconda vita per lui: le viti e gli ulivi del Salento, a quanto pare, possono aspettare.