vaccini Lissone
|

Mamma chiede ordinanza contro bambini vaccinati, il sindaco di Lissone: «Improponibile». E il M5S vuole un consiglio comunale aperto

Quando sulla scrivania del sindaco di Lissone Concetta Monguzzi è arrivata la lettera di una mamma che chiedeva un’ordinanza per sospendere i bambini vaccinati di recente dalla scuola, il primo cittadino non si è scomposto: «Ho pensato subito che fosse qualcosa di improponibile, non supportata da alcuno studio scientifico e influenzata dal dibattito che si sta svolgendo in Italia».

LEGGI ANCHE > La mamma di Lissone che chiede al sindaco di vietare la scuola ai bimbi vaccinati perché «sono pericolosi»

VACCINI LISSONE, LA RISPOSTA DEL SINDACO ALLA RICHIESTA DELLA MAMMA

In ogni caso, Monguzzi ha fatto quello che ogni sindaco attento alle richieste dei cittadini dovrebbe fare: «Non sono un medico, un biologo o quant’altro – dice ai microfoni di Giornalettismo – e allora ho chiesto supporto all’Ats (Agenzia di tutela della salute, ex Asl, ndr) che mi ha risposto dicendo che non c’è correlazione tra la vaccinazione e il contagio, tranne in casi rarissimi relativi al vaccino per la varicella. Quindi, ho inviato questa risposta alla signora, chiarendo che non ci sarà alcuna ordinanza come quella che mi è stata richiesta».

VACCINI LISSONE, LA RICHIESTA DELLA MINORANZA PARTENDO DALLA LETTERA DELLA MAMMA

Eppure, qualcuno ha preso almeno uno spunto da questa lettera. I consiglieri del Movimento 5 Stelle e di una lista civica Pier Marco Fossati e Roberto Perego sono partiti proprio dalle parole della mamma di Lissone per chiedere un consiglio comunale aperto al pubblico attraverso cui informare la popolazione sulla legge Lorenzin e sulle «procedure di attuazione a livello territoriale» della legge stessa.

Il sindaco è disposto ad accogliere questa richiesta: «Sono partiti da questa lettera, ma magari nemmeno i consiglieri di minoranza interessati la condividono – ha spiegato Concetta Monguzzi -. È tra i loro compiti quello di proporre discussioni su tematiche nazionali che hanno delle ricadute a livello locale. Ovviamente, nel momento di approfondimento che loro chiedono ci sarà un contraddittorio. Il tema è molto caldo e se sono necessari dei chiarimenti, ben vengano».

(FOTO dal sito ufficiale del Comune di Lissone)