Gualtiero Bassetti
|

Il presidente della Cei Bassetti: «Difendiamo i più deboli, ma non collaboriamo con gli scafisti»

Il tema è caldissimo e, per la sua stessa natura, non può essere estraneo ai vertici della chiesa. Specialmente di quella italiana. Così, il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale italiana, in un’intervista al quotidiano Avvenire, è intervenuto sul tema dell’accoglienza dei migranti e dei salvataggi delle organizzazioni non governative nel Mediterraneo.

LEGGI ANCHE > Migranti e ong, parla il prete indagato: «Ho sempre lavorato alla luce del sole»

GUALTIERO BASSETTI, LA POSIZIONE SULLE ONG

«Ben venga l’azione delle ong – ha detto Bassetti -, ma ogni loro contributo deve avvenire nell’ambito della legalità, perché a monte ci possono essere dei sodalizi criminali che prosperano attraverso questa forma di schiavitù moderna. Senza regole precise potremmo scivolare in un caos ingovernabile. Non possiamo scendere a patti con chi sfrutta in modo inumano il fenomeno migratorio».

Il cardinale Bassetti ha una lunga esperienza nell’ambito dell’accoglienza dei migranti: nella diocesi di Perugia ospita più di 100 migranti, ognuno dei quali con una storia drammatica alle spalle. E inoltre ha ricordato come la chiesa italiana abbia stanziato 30 milioni di euro provenienti dall’8×1000 per progetti di accoglienza che coinvolgano i Paesi di partenza, di transito e di destinazione.

GUALTIERO BASSETTI, «L’EUROPA SI DEVE CONVERTIRE»

Ma chiede – come ha fatto anche nel corso dell’omelia per la messa di San Lorenzo – un grande senso di responsabilità da parte di tutti: «Non basta soltanto l’impegno dell’Italia, c’è bisogno dell’Europa. Anzi, c’è bisogno di una vera conversione dell’Europa su questa tematica. Bisogna garantire il diritto a migrare, ma in tutta sicurezza, senza che le persone finiscano in balìa di mercenari senza scrupoli».

Nessun commento, invece, sulla vicenda di padre Mussie Zarai, il prete eritreo indagato dalla procura di Trapani per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Il sacerdote, che si difende dicendo di aver sempre agito per scopi umanitari e nella legalità, ha incassato la solidarietà di diverse parti del mondo politico, dalla deputata di Centro Democratico Milena Santerini, fino al parlamentare di Sinistra Italiana Erasmo Palazzotto.

(FOTO: ANSA/CLAUDIO PERI)