hacker m5s
|

Hacker e M5S, il Garante della Privacy indaga su Rousseau

Dopo l’attacco hacker alla piattaforma del M5S Rousseau, utilizzata per avanzare e votare proposte programmatiche, e dopo la diffusione di informazioni personali degli utenti che hanno effettuato donazioni, s’indaga per scoprire la responsabilità delle falle nel sito e se i dati potevano essere conservati meglio. Come scrive Stefania Piras sul quotidiano Il Messaggero, il Garante della Privacy Antonello Soro lo scorso 7 agosto ha aperto un’istruttoria, inviando una richiesta di informazioni alla Casaleggio Associati.

 

LEGGI ANCHE > E IL M5S FINISCE IN TRIBUNALE PER L’ATTACCO HACKER A ROUSSEAU

 

HACKER M5S, CHI SONO I TITOLARI DEI DATI DEL BLOG DI BEPPE GRILLO E DI ROUSSEAU

Ma il caso non riguarda solo la società di Davide Casaleggio, che risulta essere «gestore del sito» Rousseau. La vicenda interessa anche direttamente Beppe Grillo, che nel regolamento del Movimento 5 Stelle viene definito «garante». Si legge sul Messaggero:

Il titolare del trattamento dei dati è Beppe Grillo, mentre il responsabile del trattamento è Casaleggio Associati s.r.l. Il binomio non è chiarissimo, e si configura così: i dati acquisiti sono condivisi anche con il “Blog delle Stelle” «e dunque comunicati alla Associazione Rousseau, che ne è titolare e ne cura i contenuti la quale, in persona del suo Presidente pro-tempore, (Davide Casaleggio, ndr) assume la veste di titolare del trattamento per quanto concerne l’impiego dei dati stessi nell’ambito delle attività del predetto Blog delle Stelle». A ogni modo, il regolamento europeo prevede che il titolare debba comunicare eventuali violazioni dei dati personali all’Autorità nazionale di protezione dei dati. Inoltre, se la violazione dei dati rappresenta una minaccia per i diritti e le libertà delle persone, il titolare deve informare in modo chiaro, semplice e immediato anche tutti gli interessati e offrire indicazioni su come intende limitare le possibili conseguenze negative.

Le indicazioni da parte dei gestori sono state effettivamente offerte. Dopo l’hackeraggio la Casaleggio ha provveduto ad inviare una mail agli iscritti chiedendo loro di cambiare password di accesso al blog di Beppe Grillo.

 

LEGGI ANCHE > PARLA ROGUE0, L’HACKER CHE HA VIOLATO ROUSSEAU E CHE HA DIFFUSO LA BUFALA DELLA DONAZIONE DI RENZI AL M5S

 

HACKER M5S, CHI HA ATTACCATO LA PIATTAFORMA ROUSSEAU

Il responsabile dell’attacco al M5S è un hacker che si firma rogue0. Pochi giorni fa ha diffuso in rete nominativi e altri dati riservati come codici fiscali e indirizzi email di attivsti del Movimento 5 Stelle iscritti alla piattaforma Rousseau che avevano effettuato donazioni. Prima ancora dei due attacchi un altro hacker, Evarist Gal0is, aveva avvisato la Casaleggio dei problemi di sicurezza della piattaforma Rousseau. Aveva anche aperto un sito, denominato #hack5stelle, per avvisare gli iscritti che le loro informazioni erano a rischio. In un’intervista a Wired rogue0 ha spiegato che dietro il suo attacco non ci sono motivazioni politiche. «Ho fatto quello che ho fatto solo per una questione di interesse», ha affermato.

(Foto: ANSA / ETTORE FERRARI)

TAG: M5S