adriano celentano contro bruno perini
|

Adriano Celentano contro il nipote: «Conoscermi è difficile, non sei il mio biografo»

Non ha peli sulla lingua e si sa. Nemmeno quando si tratta della sua famiglia. Adriano Celentano si scaglia contro il nipote Bruno Perini, figlio della sorella Maria, e scrive un post sul suo blog in cui gli ricorda di «non essere il suo biografo». Perini, giornalista, aveva scritto nel 2010 il testo Memorie di zio Adriano e, nei giorni scorsi, ha pubblicato una serie di articoli sul molleggiato.

LEGGI ANCHE > Adriano Celentano difende Virginia Raggi: «Arrampicatori temono che possa rimettere in piedi Roma»

ADRIANO CELENTANO CONTRO BRUNO PERINI: IL POST SUL BLOG

Articoli che, a quanto pare, non devono essere piaciuti almeno a giudicare dal tono con cui è stato scritto il post sul blog: «Caro nipotino Bruno, ti voglio bene e tu lo sai – ha affermato Adriano Celentano -, anche se nei tuoi articoli quando parli di me e usi l’appellativo ‘zio’, anziché Adriano (come mi hai sempre chiamato), avverto da parte tua l’accortezza di voler stabilire un certo distacco, in modo che ai tuoi amici arrivi chiaro il messaggio che tu non hai nulla a che spartire con le idee ribelli del ‘parente ingombrante’».

ADRIANO CELENTANO CONTRO BRUNO PERINI: «NON SEI IL MIO BIOGRAFO»

Il cantante ha proseguito sottolineando proprio come Perini non sia il suo biografo, perché avere una conoscenza profonda della personalità di Celentano è qualcosa di molto difficile e che si acquisisce con il tempo. Tempo che, a quanto pare, i due non hanno trascorso insieme: «è materialmente impossibile – ha concluso Celentano sul suo blog – che tu possa essere (come vorresti fare intendere) il mio biografo. Dal punto di vista ‘biografico’ ci troveremmo di fronte a un vuoto incolmabile, dovuto alla mancanza di conoscenza che va ben oltre il legame di parentela. Dovremmo dormire abbracciati in un letto matrimoniale almeno per due anni e forse neanche basterebbe. Credimi: conoscermi è davvero difficile e non solo per te, ma anche per me».

(FOTO: ANSA/MATTEO BAZZI)