ingegnere depresso eutanasia
|

Angelo raccoglie fondi su Facebook per andare a morire in Svizzera: «Non voglio più vivere così»

Una malattia incurabile gli paralizza completamente il lato destro del corpo. A 53 anni, Angelo Ditotaro non ce la fa più ad andare avanti. Vorrebbe morire, per essere completamente padrone della propria esistenza. E, ora, ha dato il via a una raccolta fondi su Facebook per raggiungere la cifra necessaria a morire in Svizzera. La sua storia è stata raccontata dal quotidiano La Stampa.

LEGGI ANCHE > Dj Fabo per Cappato ci sarà un processo: «Occasione per combattere una legge fascista»

ANGELO DITOTARO, LA SUA CAMPAGNA SOCIAL PER ANDARE A MORIRE IN SVIZZERA

Angelo un tempo era infermiere al pronto soccorso dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino. Ha conosciuto da vicino la sofferenza, ha aiutato tante persone, ha cercato di salvar loro la vita. Quella stessa vita che ora lui vorrebbe abbandonare: «La mia malattia mi porterà comunque nell’aldilà. E io in queste condizioni non ci voglio più stare. Voglio togliere il disturbo, riprendermi in mano la vita e farne ciò che voglio».

Per questo motivo, sulla propria bacheca Facebook, ha deciso di fare l’annuncio: «Ragazzi, con il cuore vi chiedo aiuto: voglio l’eutanasia attiva». Ha pubblicato il suo Iban e ha fatto partire questa campagna di raccolta fondi. Con una promessa: «Restituirò tutto nel caso in cui non dovessi riuscire nell’impresa. Ma aiutatemi a fare questo viaggio in Svizzera». Dove, per morire, ci vogliono almeno 15mila euro.

ANGELO DITOTARO, L’APPELLO

Certo, non tutti hanno capito le motivazioni della scelta di Angelo e molti suoi amici si sono anche allontanati da lui. Ma è determinato ad andare fino in fondo, sul modello di Dj Fabo che non ha mai conosciuto personalmente, ma di cui condivide i valori. La differenza con la sua vicenda, piuttosto, sta negli appoggi di cui può beneficiare: «Io devo fare tutto con le mie forze – afferma – non ho amici tra i politici e non ho 15mila euro per andare in Svizzera. Devo fare tutto da me. Ho aiutato tanta gente quando lavoravo, ora chiedo solo che qualcuno mi dia una mano a morire».