torinopoli
|

Torinopoli chiude i battenti: non ci sarà la terza edizione

Finisce con l’amaro in bocca la versione torinese del Monopoly, con la y. Ideato da un gruppo di amici nel 2016 sulle orme del celebre gioco da tavolo ad opera di Elizabeth Magie, dai canali ufficiali arriva la notizia che l’avventura di Torinopoli si fermerà al via per questo giro. Nessuna terza edizione in arrivo, dunque, per il gioco che ha appassionato centinaia di persone sulla toponomastica del capoluogo sabaudo. La notizia è stata diffusa anche attraverso il portale d’informazione Torino Oggi.

STOP PER IL GIOCO TORINOPOLI: IL GIOCO DA TAVOLO DEL CAOPOLOGO SABAUDO NON AVRÀ UNA NUOVA EDIZIONE

Non era questa la conclusione che si prospettava per il gioco torinese che prende il suo nome dal concetto economico di monopolio, ovverosia il dominio del mercato da parte di un singolo venditore. La società che ha prodotto Torinopoli ha dichiarato lo stop dopo due edizioni che hanno riscontrato un grande successo di pubblico. Pare che il numero uno della casa, Mario Santagati, potrebbe lanciare una nuova trovata, forse ancora più esilarante della precedente. Intanto da Facebook si leggono poche righe di ringraziamento rivolte alle persone che hanno permesso il simpatico esperimento.

STOP PER IL GIOCO TORINOPOLI: “NIENTE PAURA PERÒ: A BREVE TORNEREMO CON ALTRO”

Si conclude inaspettatamente l’esperienza del gioco da tavolo ideato alla fine del 2016. Le motivazioni sono state affidate ad un breve post sul social network di Mark Zuckerberg, anche se pare che il gruppo abbia in programma un progetto che rilanci la società diventata nota dopo un crowdfunding sulla piattaforma Produzione dal Basso, la quale aveva consentito di racimolare oltre settemila euro in pochi giorni.

«Nel ringraziare tutti per l’entusiasmo e il calore con cui avete accolto il nostro progetto, vi comunichiamo – scrivono nella nota – che la seconda edizione di Torinopoli, ormai totalmente esaurita, sarà anche l’ultima. A seguito di una vertenza con soggetti che lamentavano la violazione di diritti d’autore e di marchio, il gioco come lo conoscete non sarà più prodotto. Ringraziamo lo Studio Tosetto Weigmann e in particolar modo l’Avvocato Fabrizio Tarocco per averci accompagnati in questa avventura. Niente paura però: a breve torneremo da voi con una nuova proposta ancora più originale, divertente e… torinese. Restate in ascolto».

(fonte foto Fb Torinopoli)