sacchetti della spesa
|

Se il sacchetto della spesa può costare una multa da 100mila euro

Il sacchetto della spesa può costare una multa da 100mila euro. No, non è un’esagerazione. Ma quanto stabilito dalle nuove norme approvate in Parlamento, e in vigore dal primo gennaio 2018, sui requisiti delle borse di plastica leggere che comunemente ci vengono consegnate quando ci rechiamo al supermercato o in altri negozi di alimentari. Ne ha parlato nel dettaglio l’Adnkronos.

SACCHETTI DELLA SPESA, SEMPRE PIÚ BIODEGRADABILI

Dal prossimo anno anche i sacchi leggeri e ultraleggeri, quelli con spessore della parete inferiore ai 15 micron, utilizzati per trasportare merci e prodotti, ai fini di igiene o come imballaggio primario in gastronomia, macelleria, pescheria, ortofrutta e panetteria, dovranno essere biodegradabili e compostabili secondo la norma Uni En 13432. Dovranno quindi avere un contenuto minimo di materia prima rinnovabile pari almeno al 40% e dovranno essere distribuiti esclusivamente a pagamento. La soglia del 40% salirà poi al 50% dal primo gennaio 2020  e al 60% dal primo gennaio 2021.

 

LEGGI ANCHE > La moglie e la figlia di Bernardo Caprotti si separano da Germana Chiodi, la segretaria che aveva ereditato 75 milioni di euro

 

L’obiettivo delle nuove norme sugli shopper (contenute nel decreto legge Mezzogiorno convertito in legge) è quello di stroncare la pratica illegale dei sacchetti con la dicitura ‘a uso interno’ utilizzata per eludere la legge, che ha danneggiato sia i retailer onesti che la filiera dei produttori e quella dei trasformatori di polimeri. Il prezzo di vendita dei sacchetti dovrà risultare dallo scontrino o dalla fattura di acquisto delle merci. La biodegradabilità, la compostabilità e il contenuto di materia prima rinnovabile sarà  certificato da organismi accreditati.

SHOPPER, MULTE SALATE PER CHI NON RISPETTA LE NUOVE NORME

Se nei reparti di gastronomia, macelleria, pescheria, ortofrutta e panetteria verranno utilizzati shopper che non rispettano la normativa, privi anche di uno solo dei requisiti previsti, scatteranno sanzioni fino a 100mila euro. Sono previste multe da 2.500 a 100mila euro se la violazione riguarda ingenti quantitativi di borse di plastica oppure se il valore delle buste che non rispettano la legge è superiore al 10% del fatturato del trasgressore. «Con questa legge giunge a sua naturale conclusione un percorso virtuoso nel settore della bioeconomia e dell’economia circolare che fa dell’Italia un modello per tutta l’Europa», ha dichiarato Marco Versari, presidente di Assobioplastiche.

(Foto: ANSA / DI MARCO)