|

Il controverso video dell’anziano che striscia in corsia nell’ospedale di Vallo della Lucania | VIDEO

C’è un video, pubblicato sui social network dal consigliere regionale dei Verdi in Campania Francesco Borrelli, che mostra un anziano sdraiato a terra nella corsia dell’ospedale di Vallo della Lucania. La persona in questione – scrive il consigliere – «ricoverata nel reparto di ortopedia dell’ospedale di Vallo della Lucania, sdraiata sul pavimento, protesta per il trattamento ricevuto, anche perché, per più giorni, gli avrebbero imposto il digiuno preoperatorio e poi non lo hanno operato».

LEGGI ANCHE > A Napoli i pazienti stanno a letto in ospedale tra le formiche

OSPEDALE VALLO DELLA LUCANIA, LA DENUNCIA DI BORRELLI

La sua ricostruzione, dunque, porterebbe a pensare a un presunto caso di malasanità. Francesco Borrelli ha sempre denunciato le anomalie negli ospedali campani e, nei mesi scorsi, aveva evidenziato – documentando con foto – la presenza di insetti in alcune strutture sanitarie regionali. Secondo il consigliere dei Verdi, infatti, l’anziano avrebbe avuto bisogno di un’operazione al femore che sarebbe stata rinviata più volte a causa della carenza di personale.

Inoltre, Francesco Borrelli ha ricordato che l’ospedale San Luca di Vallo della Lucania è lo stesso in cui morì il maestro Francesco Mastrogiovanni, ricoverato per un tso e poi morto per il trattamento ricevuto.

OSPEDALE VALLO DELLA LUCANIA, LA REPLICA DELLA ASL

Ma è polemica aperta con la Asl. l direttore sanitario Adriano De Vita ha affermato che il paziente non aveva nessuna frattura del femore quando è stato girato il video e che la sua degenza durava da 9 ore. Ricoverato alle 3 di notte del 31 luglio, l’anziano è stato dimesso il 2 agosto con diagnosi di lombosciatalgia destra.

Secondo il direttore sanitario De Vita, «il  medico di reparto, avvisato della presenza di un paziente disteso a terra, è prontamente intervenuto e avendolo precedentemente inquadrato dal punto di vista clinico, ha provveduto  immediatamente, unitamente al personale paramedico presente, a sollevarlo adeguatamente da terra, a rassicurarlo e ad accertarsi direttamente dal paziente della dinamica dell’evento».

L’anziano, sempre secondo la versione proposta dall’ospedale, si sarebbe volontariamente disteso a terra per chiedere un intervento chirurgico di cui, a quanto pare, non aveva bisogno. Tranquillizzato dal medico del reparto, poi, si sarebbe rimesso a letto, fino alle dimissioni dalla struttura avvenute il 2 agosto.