Bonucci-Biglia
|

Milan, e se i trasferimenti di Bonucci e di Biglia fossero a rischio?

Il conto alla rovescia per perfezionare gli acquisti di Leonardo Bonucci e di Lucas Biglia da parte del Milan è già partito. La società rossonera deve ottenere le fideiussioni da un istituto di credito per poter garantire il pagamento dei suoi nuovi calciatori ma, fino a questo momento, le banche hanno risposto picche. E la scadenza per perfezionare i trasferimenti è fissata per il prossimo 11 agosto.

LEGGI ANCHE > Bonucci al Milan sfida subito la Juve: «Giocherò con più fame di prima» | VIDEO

BONUCCI-BIGLIA, CHE SUCCEDE AL MILAN?

Non è una cosa completamente nuova nel mondo del calcio, sempre più legato a manovre spericolate per far quadrare i conti in bilancio: le fideiussioni sono spesso al centro di tira e molla tra banche e società. Ma secondo il sito specializzato Calcio&Finanza, il Milan ha già dovuto far fronte a un rifiuto pesante. Infatti, non Banco BPM concederà la fideiussione, nonostante sia sponsor della società rossonera fino al 2019 e molto vicina al club: in discussione ci sarebbero le condizioni attuali del bilancio del Milan che non garantirebbe le assicurazioni necessarie.

Ora non resta che bussare al fondo Elliott (per liberare un asset che possa fungere da garanzia per BPM che, in questo modo, potrebbe garantire la fideiussione) oppure a un altro istituto di credito internazionale. Insomma, il tempo stringe e Bonucci e Biglia sono ancora in attesa. Non sarà sfuggita a molti, infatti, la loro assenza nella sfida di andata del preliminare di Europa League contro il Craiova, né sfuggirà la loro assenza questa sera sul terreno di gioco di San Siro per il match di ritorno.

BONUCCI-BIGLIA ANCORA FUORI NEI MATCH UFFICIALI

Bonucci e Biglia non sono stati messi fuori lista soltanto a causa delle loro condizioni fisiche non ottimali, ma perché il loro trasferimento al Milan non può ancora essere considerato concluso. Stasera sarà concesso loro un giro di campo inaugurale per i saluti di inizio stagione. Ma i tifosi devono preoccuparsi? Ci sono ancora sette giorni di tempo per capirlo.

(FOTO: Guo Yong/Xinhua via ZUMA Wire)