First They Killed My Father
|

First They Killed My Father: il trailer del film di Angelina Jolie | VIDEO

Si chiama First They Killed My Father ed è la quarta fatica, da regista, di Angelina Jolie. Il film, che sarà trasmesso su Netflix dal 15 settembre, è basato sulla storia di Loung Ung, scrittrice e attivista cambogiana sopravvissuta al genocidio che fecero i Khmer Rossi di Pol Pot a fine anni ’70 in Cambogia. Ung ha co-firmato la sceneggiatura con Jolie.

guarda il video:

LEGGI ANCHE > Angelina Jolie ha nostalgia di Brad Pitt, ma per l’attore l’amore è finito

FIRST THEY KILLED MY FATHER: IL CAST E LE POLEMICHE

L’intero cast è composto da attori cambogiani. Srey Moch, protagonista della pellicola si destreggia tra la presa del potere di Pol Pot, la deportazione, il campo di lavoro e infine l’addestramento militare sui minori. Minori usati come soldati o peggio ancora scusi umani.
Pochi giorni Jolie fu accusata di aver «sfruttato» e «maltrattato» i bambini del Paese asiatico durante il casting del film. Il maltrattamento? La selezione si basava su una prova richiesta ai bambini: rubare delle monete e poi, una volta scoperti, inventare una bugia sulla ragione per cui era stato commesso il furto.
«Mi si attribuiscono cose false e sconvolgenti – si è difesa la regista – avevo soltanto chiesto un esercizio di improvvisazione per una scena del mio film, scritta per mettere in luce uno scenario reale. La pellicola vuole denunciare proprio gli orrori commessi sui bambini durante la guerra e vuole aiutare a proteggerli. L’ipotesi che sia stato rubato del vero denaro durante il provino è assolutamente priva di fondamento».