|

Un giorno in ritiro – A Milanello col Milan

Questa settimana abbiamo mandato un nostro inviato a seguire la preparazione dell’unica squadra che ha già iniziato ufficialmente la stagione.
Ecco il resoconto di una giornata di preparazione del Milan.

***

Ore 6.30 – Sveglia. Gianluigi Donnarumma spiega al fratello Antonio che no, non sta ancora sognando ed è davvero nel ritiro del Miĺan.

Ore 6.45 – Fassone presenta a Montella i giocatori acquisiti la notte precedente.

Ore 7.00 – Colazione a base di tè cinese e biscotti della fortuna.

Ore 7.02 – Tutti i giocatori si ritrovano in camera di Donnarumma che vende caffè e sfogliatelle a 15 euro.

Ore 8.30 – Come ogni giorno, a Casa Milan arriva il curriculum di tale Adriano G., automunito, capellesente, esperto di management, marketing e parametrizering.

Ore 9.00 – Fassone presenta a Montella i giocatori acquisiti durante la colazione.

Ore 9:30 – Viene accompagnato fuori dal ritiro un sedicente sosia di Gullit, che si era confuso tra i nuovi acquisti.

Ore 10.00 – Inizia l’allenamento mattutino. Montella prova a memorizzare i nomi dei giocatori, poi decide che probabilmente è meglio chiamarli per numero di maglia.

Ore 10:30 – Bacca viene pesantemente redarguito da Montella perché non si posiziona in area quando un compagno crossa, il colombiano si giustifica dicendo di essersi dimenticato che non c’è più De Sciglio.

Ore 12.00 – Con una piccola cerimonia davanti al gruppo al completo, a Bonucci vengono consegnate la fascia di capitano, la Coppa campioni del 1989 e una mountain bike con cambio Shimano.

Ore 12.15 – Poiché si avvicina l’ora di pranzo, Fassone compra Cannavacciuolo per 30 Milioni di euro e gli consegna le chiavi della cucina, deludendo la mamma di Donnarumma che si lamenta con Raiola per non aver inserito la clausola nel contratto del figlio.

Ore 12.30 – Ritrovo dei giocatori al ristorante per il pranzo. Infranto il record di numero di coperti appartenuto fino a quel momento ad una coppia di Bari vecchia.

Ore 13.30 – Pennichella post-pranzo.

Ore 13.45 – Fassone prova a trovare una collocazione per Bacca, ma lui si sveglia a Lodi e pretende di essere riportato indietro.

Ore 15.00 – I giocatori vengono divisi in squadre da 11 per un mini torneo. Il tabellone parte dagli ottavi di finale.

Ore 15.10 – Bonucci chiede che il torneo venga spostato alle ore 19, numero che per lui è davvero importante, ma la richiesta viene respinta.

Ore 18.00 – Inizia la finale per il primo posto fra Milan A di Bonucci e Milan F di Cristiano Ronaldo, acquistato da Fassone mentre erano in corso i quarti di finale.

Ore 18.16 – Intervallo. Il Milan F conduce 1-0 grazie ad un gol di Ronaldo su cross di Abate, terzino destro del Milan A.

Ore 18.18 – Negli spogliatoi Bonucci picchia Abate per il cross sbagliato e Musacchio perché il suo accento gli ricorda Dybala.

Ore 18.22 – Clamorosa parata di Gigio Donnarumma su tiro di Silva. Raiola chiede a Fassone un ritocco dell’ingaggio per Antonio.

Ore 18.35 – Finisce la partita con la vittoria schiacciante del Milan F, grazie anche alla doppietta di Borini che esaurisce così il suo bonus di goal stagionali.

Ore 18.45 – Bonucci viene venduto all’Inter per 50 Milioni più i figli di Pirlo e Seedorf.

Ore 18.55 – Il neo difensore interista compra una pagina della Gazzetta per ringraziare il Milan per quanto gli ha dato.

Ore 19.00 – Mirabelli chiama Bonucci spiegandogli che può tenersi la bici, ma la Coppa dei Campioni del 1989 deve restituirla.

Ore 19:30 – Biglia chiede informazioni su quando si giocherà il Derby con la Roma.

Ore 20.30 – La coppa viene riconsegnata. Tutti i giocatori vengono invitati a cena per festeggiare il primo trofeo della nuova era rossonera.

Ore 22.30 – I giocatori vengono accompagnati nelle loro camere, che per questioni logistiche sono nel frattempo state dotate di letti a castello.

TAG: Calcio