tinto brass eutanasia
|

Tinto Brass: «A 84 anni sposo Caterina: staccherà la spina quando sarò in condizione irreversibile»

L’annuncio choc del re italiano del cinema erotico. Tinto Brass è pronto a sposarsi a 84 anni con l’avvocato Caterina Varzi per avere una guida nell’ultimo periodo della sua vita. Lo rivela nel corso di un’intervista al Corriere della Sera: «Quando io non sarò più in grado di badare a me stesso – dice – Caterina sceglierà per me la cosa giusta. Le consegno la chiave della mia vita, sicuro che lei la girerà al momento giusto. Voglio essere libero di decidere come morire».

LEGGI ANCHE > Tinto Brass si sposa con Caterina Varzi

TINTO BRASS EUTANASIA: LA CONFESSIONE

La cerimonia, in forma strettamente privata, avverrà il prossimo 3 agosto in casa del regista, alla presenza di quattro testimoni. Una sorta di conclusione di un percorso molto intenso, durante il quale Caterina ha aiutato moltissimo Tinto Brass, soprattutto nel 2010, il periodo difficile del post-ictus: in quella circostanza, il regista aveva perso completamente la memoria.

«Mi ha riportato alla vita e alla memoria quando ero finito e pensavo di buttarmi giù dalla finestra dell’ospedale» sottolinea Tinto Brass. Ora, oltre al progetto sulle nozze imminenti («molti pensano che siano questione d’interessi, ma sbagliano perché io non ho proprietà»), c’è in cantiere anche un nuovo film.

TINTO BRASS EUTANASIA: IL PROGETTO DI UN NUOVO FILM

«Se riesco faccio Ziva, storia di amore e di guerra, di pacifismo che vince su tutto. È ambientato in un’isola della Dalmazia, Seconda guerra mondiale. Ziva sorride, seduce, unisce soldati nemici. È il femminile, è l’anima bella del mondo, è la speranza che può fare della guerra un tabù. Poi potrei rimontare Caligola, me l’ha chiesto Kelly Holland della Penthouse».

FOTO: ANSA/ CLAUDIO ONORATI