Fabio Fazio
|

Rai, la denuncia del deputato Michele Anzaldi: «Il contratto di Fabio Fazio è illegale»

Una nuova rivelazione sulla vicenda del contratto di Fabio Fazio con la Rai. A farla è il deputato del Partito Democratico Michele Anzaldi, in un’intervista al quotidiano Il Dubbio. «La Rai è in mano alle caste e alle lobby degli agenti – dice -. E il contratto di Fabio Fazio è un esempio di come si violi la legalità». Nel mirino, ancora una volta, c’è il popolare conduttore televisivo che ha ottenuto un aumento del suo ingaggio annuale da 1,8 a 2,8 milioni di euro.

LEGGI ANCHE > Fabio Fazio, il contratto con la Rai è più ricco grazie a due clausole segrete

LA DENUNCIA DI MICHELE ANZALDI SU FABIO FAZIO

Anzaldi non ha proprio digerito la deroga al tetto dei compensi da 240mila euro, previsto per le prestazioni artistiche. «La trasmissione di Fazio – sostiene il deputato del Partito Democratico – viene classificata come programma di informazione e approfondimento generale. Quindi non vi è effettiva natura artistica della prestazione, unica condizione che secondo il parere dell’Avvocatura dello Stato consentirebbe la deroga al tetto dei 240mila euro. E allora perché a Fazio è stato concesso un cachet dieci volte tanto?».

Ma secondo Anzaldi non sarebbe l’unica anomalia nel futuro rapporto di lavoro tra Fabio Fazio e la Rai: «Viale Mazzini si è impegnato, con una delibera approvata a maggioranza, ad affidare a una società che ancora deve essere costituita (che quindi, attualmente, non esiste) e che fa capo allo stesso Fazio l’appalto parziale per la realizzazione del format della trasmissione che lui stesso andrà a condurre. Altro che conflitto d’interessi! Noi ci siamo rivolti all’Autorità anti-corruzione di Raffaele Cantone. Ma forse dovrebbe occuparsene anche il procuratore della Repubblica Giuseppe Pignatone».

Insomma, secondo il deputato, si tratterebbe di una vera e propria operazione gestita dalla casta che dirige la Rai: l’intenzione del cda, ha affermato Anzaldi, è quella di non toccare i super stipendi contrattati dagli agenti, i veri padroni del servizio pubblico in Italia.