Di Maio
|

Di Maio tace, e il M5S non spiega affatto la smentita della Francia sui canadair

Di Maio tace da quasi 24 ore sui social media. Dopo la smentita dell’ambasciata di Francia alle sue dichiarazioni in merito ai canadair inviati da Parigi per le operazioni contro gli incendi sul Vesuvio il vicepresidente della Camera, tra l’altro a Ventimiglia, proprio al confine coi transalpini, ha preferito non rispondere. Questa mattina però il M5S si è mosso dopo la figuraccia fatta da Di Maio. Con una dichiarazione ufficiosa all’agenzia Adnkronos, che riportiamo.

Il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio “ha, tra le altre cose, tentato di contattare anche l’ambasciata di Francia, passando attraverso la batteria. Un funzionario ha ricevuto la sollecitazione. Così come avvenuto negli altri casi, non ci sono stati contatti diretti con l’ambasciatore”. E’ quanto riferiscono all’AdnKronos fonti dell’M5S, dopo la smentita, da parte dell’ambasciata di Francia, di contatti con Di Maio

IL M5S RISPONDE SULLA SMENTITA DELLA FRANCIA A DI MAIO SUI CANADAIR

Le fonti dell’M5S non sembrano però fornire una versione credibile della vicenda. Una smentita così secca è rara: un’ambasciata è diretta da funzionari del corpo diplomatico, che hanno tra i loro compiti proprio quello di migliorare le relazioni con i Paesi esteri che li ospitano, non creare casi mediatici. Luigi Di Maio è già ora un esponente di punta delle istituzioni della Repubblica italiana, in quanto vicepresidente della Camera, e rappresenta inoltre un possibile presidente del Consiglio.

LEGGI ANCHE > DI MAIO E LE TELEFONATE PER I CANADAIR INVIATI DALL’UE CONTRO GLI INCENDI SUL VESUVIO

È assai difficile che un funzionario di un’ambasciata si prenda il rischio di smentire una personalità così importante se il fatto è incerto. Il tentativo di contatto citato dalle fonti dell’M5S riprese dall’Adnkrons sarebbe stato ragionevolmente esposto alla domanda del Foglio sulla veridicità del racconto di Luigi Di Maio. Nel suo post su Facebook, già non credibile alla luce del funzionamento del meccanismo europeo di Protezione civile, il vicepresidente della Camera aveva esplicitamente citato telefonate fatte a tutte le ambasciate europee. L’unico Paese tra quelli vicini all’Italia dotati di canadair è la Francia.
Foto copertina: ANSA/ANGELO CARCONI