omicidio-suicidio
|

Omicidio-suicidio a Roma: solitudine e malattia dietro al gesto di un anziano

Soli, anziani e malati. Luigi Biasini, 79 anni e la moglie Mirella, di 81, vivevano al quinto piano di una palazzina in via Damaso Cerquetti, nella zona residenziale di Monteverde, a Roma. Sul retro stabile, nei pressi del garage, verso le 9 di questa mattina, un ragazzo ha visto atterrare il corpo dell’anziano e ha avvertito la Polizia.

Giunti sul posto, gli agenti hanno trovato il cadavere dell’uomo, morto sul colpo; mentre all’interno dell’appartamento era disteso il corpo della moglie, morta con un sacchetto di plastica avvolto intorno alla testa.

IPOTESI DI OMICIDIO-SUICIDIO IN VIA DAMASO CERQUETTI A ROMA

L’ipotesi degli investigatori è l’omicidio-suicidio: sarebbe stato proprio il signor Biasini a uccidere l’anziana moglie, per poi gettarsi dal suo balcone al quinto piano, usando una scaletta a tre gradini per scavalcare la ringhiera.

Dietro al gesto disperato si nasconde probabilmente una storia di solitudine: «Luigi non ce la faceva più, era da solo a occuparsi della moglie malata di Alzheimer, soffriva molto», spiega Antonio, un vicino di casa. Ma anche il marito era malato, «aveva subito diversi interventi chirurgici», precisa il vicino di casa. Forse è stato proprio l’aggravarsi delle sue condizioni di salute a spingere l’uomo al gesto estremo.

Sarà l’autopsia sul corpo della moglie a chiarire se si sia trattato proprio di omicidio-suicidio. La salma dell’uomo, invece è stata già riconsegnata ai parenti. Sotto shock il quartiere di Monteverde Vecchio, dove la coppia viveva in via Damaso Cerquetti: i vicini ricordano infatti Luigi Biasini come una persona tranquilla e gentile.

UN NUMERO VERDE PER GLI ANZIANI SOLI

Per gli anziani soli nel periodo estivo è attivo un servizio dell’Auser, l’associazione per l’invecchiamento attivo. Nella sezione speciale «Aperti per ferie», gli anziani possono trovare notizie utili e informazioni sui servizi attivi nel proprio territorio. Mentre per chiedere un aiuto, possono contattare il «telefono amico» Filo d’Argento: il numero è 800-995988 ed è gratuito e attivo su tutto il territorio italiano, tutti i giorni – dalle 8 alle 20 – festivi compresi. La consegna della spesa, dei pasti o dei farmaci, servizi di trasporto protetto verso centri socio-sanitari per visite o terapie, ma anche semplice desiderio di compagnia o di partecipazione a iniziative di svago in intrattenimento.

Un servizio utile per i tanti anziani soli nel periodo estivo, che però ha bisogno di nuovi volontari: «Riceviamo moltissime richeste – spiega il presidente di Auser Enzo Costa – e abbiamo bisogno di volontari per poter dare una risposta a tutti». Anche in questo caso, basta segnalare la propria disponibilità chiamando il numero verde.

Foto copertina: ANSA