prosciutto Parma
|

Le nuove immagini shock degli allevamenti intensivi del Prosciutto di Parma | VIDEO

Strutture fatiscenti, topi che defecano nel mangime, cuccioli ridotti male, animali malati che muoiono nei corridoi. Sono solo alcune delle immagini fortissime che vengono proposte dal nuovo video di denuncia, realizzato da Esseri Animali, sugli allevamenti intensivi del consorzio del Prosciutto di Parma. Il video è stato girato tra febbraio e giugno in otto stabilimenti tra Emilia-Romagna e Lombardia.

LEGGI ANCHE > Essere animali e il video che ha fatto adirare il consorzio del Prosciutto di Parma

GUARDA IL VIDEO SU ALLEVAMENTI PROSCIUTTO PARMA GIRATO DA ESSERI ANIMALI:

Gli stabilimenti sono stati denunciati al Corpo Forestale dello Stato e al NIRDA – Nucleo Investigativo Reati a Danno degli Animali – e sono stati segnalati per presunte violazioni alla normativa sul benessere animale. Inoltre, è stata chiesta ai Nas una verifica sulle potenziali conseguenze per i consumatori di questo trattamento agli animali.

LA DENUNCIA DI ESSERE ANIMALI SUGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI DEL PROSCIUTTO PARMA

«Non è la prima volta – afferma l’associazione Essere Animali – che documentiamo simili condizioni in allevamenti fornitori del noto marchio DOP, ma il Consorzio del Prosciutto di Parma vuole censurare le nostre indagini. Noi invece crediamo che le persone abbiano diritto ad essere informate».

Il riferimento è a quanto successo nelle scorse settimane, quando un video che denunciava allo stesso modo gli allevamenti intensivi è stato oscurato sul web, in seguito a una denuncia per diffamazione a mezzo stampa da parte del Consorzio del Prosciutto di Parma e alla decisione del GIP di Bologna di accogliere la tesi del Consorzio stesso.

Queste nuove immagini, tuttavia, documentano come il fenomeno non sia stato arginato dalla prima denuncia di Essere Animali ma che, anzi, rappresenta una sorta di prassi ripetuta. «Oltre alle denunce legali, le nostre investigazioni consentono alle persone di essere informate sulle condizioni degli animali allevati – sostiene l’associazione -. La situazione purtroppo è tragica e la causa è da ricercare nell’attuale tipologia di allevamento intensivo, utilizzata anche per la produzione di un prosciutto considerato un’eccellenza del Made in Italy ed esportato in tutto il mondo».