dl Lorenzin
|

Vaccini, il punto sull’iter del decreto legge Lorenzin

Continua l’esame al Senato del decreto legge sui vaccini proposto dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Oggi la discussione proseguirà, dopo che ieri si era votato – per alzata di mano – contro le pregiudiziali proposte dalle opposizioni. Il provvedimento dovrebbe essere approvato nella giornata di domani, senza il ricorso alla questione di fiducia. Il governo, infatti, l’ha autorizzata ma è sempre più orientato a non avvalersi di questo strumento in aula.

LEGGI ANCHE > «Nel 2014 gli Usa scelsero l’Italia come capofila nella crociata sui vaccini»

DL LORENZIN, APPROVAZIONE SENZA FIDUCIA?

Sembra infatti che la questione di fiducia sarà posta sul ddl soltanto se dovesse passare la proposta di Lega Nord e di Sinistra Italiana di ricorrere al voto segreto per alcuni emendamenti. La fiducia potrebbe costituire un problema per i senatori di Forza Italia: questi ultimi avevano garantito il voto positivo al ddl solo in caso, appunto, di votazione ordinaria.

Intanto, vengono resi noti ulteriori dettagli sul disegno di legge, dopo l’approvazione in commissione lunedì notte. È stato infatti  approvato l’emendamento Cattaneo che prevede l’obbligo della presenza dell’Aifa nei contenziosi per presunti danni da farmaci, vaccini o trasfusioni.

Dalla commissione Bilancio, invece, hanno fatto sapere che non ci sono le coperture finanziarie per garantire la vaccinazione obbligatoria a tutti gli operatori sanitari e a tutti i docenti. Pertanto, l’emendamento proposto dalla senatrice PD Patrizia Manassero è stato bocciato. Confermata, invece, l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’iscrizione a scuola.

L’approvazione al Senato dovrebbe arrivare già domani, quindi, per permettere il successivo esame alla Camera. I tempi dell’iter sono piuttosto ristretti, anche perché il decreto Lorenzin è in scadenza il prossimo 6 agosto. Entro quella data dovrà necessariamente essere convertito in legge, pena la decadenza.

DL LORENZIN, LE PROTESTE

Intanto, continuano le proteste dei free-vax davanti a Palazzo Madama. Ieri, alcuni manifestanti hanno cercato di raggiungere la sede del Senato, ma sono stati bloccati. Il presidio, concentrato davanti al Pantheon, è andato avanti per tutto il pomeriggio e anche nella giornata odierna si prevedono ulteriori manifestazioni di protesta.

(Foto: ANSA / GIORGIO ONORATI)