|

Airbnb: ecco come puoi offrire un alloggio ai rifugiati

Airbnb, società leader mondiale nel settore dell’ospitalità, ha lanciato da pochi giorni il portale Open Homes Rifugiati con cui, anche in Italia, si potrà offrire un alloggio a chi ne ha bisogno. L’ospitalità viene gestita tramite le collaborazioni con la Comunità di Sant’Egidio e Refugees Welcome Italia.

Per offrire un alloggio basta connettersi sul sito e compilare il form. «Ti chiederemo alcuni dettagli sulla tua casa, così da abbinarti al meglio alle persone in difficoltà. Il tuo alloggio sarà visibile esclusivamente dalle organizzazioni che supportano le cause che hai indicato», spiegano tra i primi step.

airbnb rifugiati

«Successivamente – aggiungono – ti chiederemo quanto spesso sei disponibile a supportare questa causa e la lunghezza del soggiorno che sei disposto a offrire. L’intera procedura dovrebbe richiedere più o meno solo 15 minuti»
Le due associazioni coinvolte nel progetto potranno verificare sul sito la disponibilità di posti letto e prenotarli.
L’idea, che ha Milano come città pilota, nacque nel 2012, quando, dopo l’uragano Sandy negli Usa, molti utenti offrirono spontaneamente le proprie case gratis.

Ovviamente c’è chi non è d’accordo. Tipo Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia.

“Dopo la marcia per l’accoglienza degli immigrati, la sinistra che governa il Comune di Milano patrocina con entusiasmo l’iniziativa “Open homes rifugiati” promossa da Airbnb, la multinazionale Usa della ricettività extra-alberghiera, insieme ad altre due associazioni: attraverso un portale web i privati potranno mettere a disposizione gratuitamente i loro appartamenti per rifugiati e richiedenti asilo Mi chiedo e vi chiedo: ma perché questa meritevole iniziativa di solidarietà non è rivolta anche ai tantissimi italiani in difficoltà? Perché rifugiati e richiedenti asilo vengono prima dei senzatetto, degli sfrattati, dei terremotati, delle ragazze madri e dei padri separati italiani? Siamo alle solite: la sinistra e il grande capitale preferiscono aiutare tutti, tranne gli italiani”

Non solo. Il deputato Nuccio Altieri di Direzione Italia ha annunciato una interrogazione nei confronti del ministro dell’Interno Minniti. «Bisogna capire – ha aggiunto – se il Ministro sia stato preventivamente informato e in che modo dell’iniziativa annunciata da Airbnb e se la stessa sia stata autorizzata dal Ministero dell’Interno considerata la delicatezza della materia».